تمام ملاحظہ کریں

فورم کےآخری پیغامات

Sulle scogliere di marmo - Ernst Junger

Hic et nun. Qui e ora. Ogni opera di Junger è un mondo a parte, ottima novella quasi tolkeniana, autore fenomenale, anarca, operaio soldato. (sarebbe interessante leggere la corrispondenza con Hoffman, carteggio pubblicato da giometti-antonello di Macerata) Litigò con Celìne a Parigi. Ernst Junger der wanderganger...top.

Re: L'anno in cui imparai a raccontare storie - Lauren Wolk

Questo libro parla di Annabelle, la protagonista, è una ragazzina che vive momenti molto difficili: una nuova compagna di classe prepotente che non la fa stare tranquilla, un incidente grave e l’accusa di un uomo innocente. Nel corso della narrazione la ragazzina imparerà a mentire ma anche a dire la verità, inoltre comprenderà il senso della giustizia, insomma diventerà grande.
Si tratta dunque di un romanzo di formazione, ambientato nel 1943 nel pieno della seconda guerra mondiale. I personaggi principali sono: Annabelle, Betty, la nuova compagna di classe dai modi poco gentili, e la madre di Annabelle. Ma semplici e non necessitano di un’altra rilettura per capirne il significato, il lessico è semplice. Il libro non è noioso, bensì emozionante. La lettura mi ha fatto trovare nuovi punti di vista che non avevo mai considerato.
La scrittura è molto ricca, la lingua è precisa, ricca di descrizioni puntuali dei luoghi e dei personaggi. Lo stile è appassionante e la narrazione è affascinante.
Questo libro lo consiglio a tutte le persone che vogliono avere un po’ più di fiducia in se stessi.

Finchè il caffè è caldo - Toshikazu Kawaguchi

Un libro che narra con lo stile delicato giapponese alcune vicende che ci fanno capire l'importanza di parlare con amore tutti i giorni alle persone cui vogliamo bene. Ci avvicina anche all'argomento della morte, sempre con delicatezza.
Racconti che si leggono velocemente, ma che seminano dentro di noi qualche spunto di riflessione che arriva con il tempo.
Per chi ha sempre sognato di tornare nel passato, perché c'è chi vive di rimpianti o di rimorsi, ma in fondo è il presente l'unico dono che ci viene fatto!
Questo libro ci aiuta a vivere meglio il presente, pur avendo la possibilità di tornare nel nostro passato, con la consapevolezza che il presente non può essere cambiato.

La biblioteca di Parigi - Janet Skeslien Charles

Un libro che vince sulla guerra, nonostante i sacrifici, nonostante le perdite, perché la speranza nei libri non muore mai, anche se gli uomini possono deludere i libri non deludono mai.
Un libro di rinascita, che sopravvive al tempo e che fa ritrovare i suoi insegnamenti anche a distanza nello spazio e nel tempo.
Si viaggia da Parigi all'America, ma i sentimenti sono sempre vivi in tutta la durata del romanzo.
Si respira il profumo dei libri antichi.
Insegna l'amicizia e la lealtà.

Re: Cambiare l'acqua ai fiori - Valérie Perrin

Un intreccio di storie, di sentimenti, di cadute e di rinascite.
Un romanzo che parla con dolcezza ed eleganza della morte, ma anche della vita, che come dice la protagonista "burlandosi della morte permette alla vita di prendere il sopravvento, di avere il potere".
Ricco di insegnamenti e di spunti per vivere non solo la propria vita, ma nella propria vita, qualsiasi cosa ci riservi.
Assolutamente da leggere.

Orfani bianchi

Interessante la conoscenza dello, per me sconosciuto, mondo delle badanti dal loro punto di vista. Avrei sviluppato con più completezza il finale.

Borgo Sud - Donatella Di Pietrantonio

Sono a più di metà della sfida di leggere i titoli nella dozzina del Premio Strega 2021, e potrei iniziare a scommettere su Donatella Di Pietrantonio come possibile vincitrice; mi aspetto che rientri nella cinquina che verrà annunciata a giugno.
In "Borgo Sud" ritroviamo le sorelle protagoniste de "L'arminuta", diventate adulte e alle prese con relazioni fallite e crollate come castelli di carte. Nel presente, la protagonista trascorre una lunghissima notte ad affrontare tutti i fantasmi del suo passato, a rivivere il dolore che l'ha portata a trasferirsi a Grenoble e ad allontanarsi da Pescara. Più forte del dolore è però il legame con Adriana; una sorellanza non di sangue ma di cuori, affranti e comunque presenti l'uno per l'altro, nonostante le liti e le distanze. Su tutto prevale l'atmosfera della provincia e la contrapposizione con la città, l'appartenenza a un borgo dove tutti sanno e nessuno parla.
Lo stile è scorrevole e raffinato e si giunge alla fine in breve tempo.

Re: Sembrava bellezza - Teresa Ciabatti

Ho ascoltato l'audiolibro su Storytel: non so ancora come ho fatto ad arrivare in fondo; non so se ho odiato di più la protagonista, il suo essere così infantile a quarantasette anni, il suo egocentrismo e la sua cattiveria, oppure lo stile forzatamente ricercato di Teresa Ciabatti di voler farsi beffa del lettore, nonché di riempire la storia di ossessioni, paturnie, pulsioni, bambinate, invidie, veleni e volgarità.
L'aggettivo per "Sembrava bellezza" è fastidioso, cosa che vale anche per la voce lettrice di Chiara Francese: nel suo caso, però, questo è un grande complimento; dubito avrebbe potuto rendere meglio il testo.

Re: Il mastino dei Baskerville - Arthur Conan Doyle

Un libro affascinante scritto dallo scrittore inglese Arthur Conan Doyle. Un classico del genere giallo. Il racconto è basato su degli omicidi, compiuti in un modo misterioso e soprannaturale. Solo le indagini e l’astuzia di un abile investigatore potranno far luce su un crimine così misterioso, insolito e confuso. È interessante da leggere e non viene voglia di fermarsi finché non viene svelato il finale della storia, che in questo caso è fantastico.
Lo consiglierei a tutti gli amanti dei gialli, a persone che vogliono un po’ di enigmi e ai fan di Sherlock Holmes.

Re: La lettera B - Lia Levi

E' un racconto per ragazzi.La protagonista è Ilaria di 12 anni,che racconta con schiettezza e trasparenza la sua quotidianità,le vicende talvolta tragiche e le emozioni profonde che accadono nella sua famiglia. Vivono alla periferia di Roma in una villetta bifamiliare,lei il papa' e la sua mamma infermiera,la signora BI è la loro simpatica vicina.Ilaria trascorre le giornate a scuola con Francesco e Susanna,amici e le vacanze dai nonni di Brindisi,o dai nonni di Nizza,passando da Milano dalla zia Isabella giornalista,zio Maurizio e Alina sua cugina,non proprio simpatica.Per Ilaria sarà fondamentale l'arrivo a casa di Gabriele (Babu),anche lui adolescente,unico sopravvissuto ad un tragico incidente,nel quale aveva perso i genitori adottivi,la nonna. Babu è indiano ed è stato adottato,le prime cure le ha ricevute in ospedale dalla mamma di Ilaria.e la partenza di zia Isabella come giornalista per l'Afghanistan e il suo successivo rapimento per tutta la famiglia fu' un dolore quasi strozzato dall'attesa della sua liberazione.

L' ultimo lupo - Mino Milani

L'ultimo lupo racconta di Enzo, un ragazzo abituato alla vita in città, senza pensieri e senza desideri, che pensa di non avere nulla da imparare dal vecchio zio, un guardaboschi rimasto unico abitante del piccolo borgo di Fonterossa. Viene costretto a trascorrere due giorni con lui e questa esperienza cambia completamente la sua visione della vita. Per me, questo libro è molto bello e pieno di colpi di scena e il testo è un’avventura per ragazzi che affronta anche il tema dell’ambiente. Fa parte della serie “il battello a vapore: serie rossa”, il luogo di ambientazione è Fonterossa, i personaggi principali sono Enzo e suo zio.
La lettura all'inizio è un po’ difficile da comprendere, ma poi diventa più scorrevole leggendo. Il lessico utilizzato è complicato, ma comprensibile.
La scrittura è limpida, la lingua è precisa, lo stile è appassionante e la narrazione è ricca di toni ironici.
A me il libro è piaciuto tantissimo e lo consiglio a chi ama la natura.