Il gusto del cloro
3 1 0
Materiale linguistico moderno

Vivès, Bastien <1984->

Il gusto del cloro

Abstract: ... Agonismo, tempo libero, cure mediche. Dietro le pressanti insistenze del suo fisioterapista, un giovane ragazzo sofferente di scoliosi inizia a frequentare la piscina, finché la pigra routine dell’appuntamento del mercoledì non viene interrotta dall’incontro con una ragazza che lo seduce con il suo sorriso e le sue movenze. Entra in contatto con lei grazie all’intraprendenza di un amico e dà inizio a un rapporto che si esprime più con i movimenti nell’acqua che con le parole. Nel bacino di questo ambiente liquido si instaura un sottile equilibrio che mercoledì dopo mercoledì, bracciata dopo bracciata, inizia a rafforzarsi.Un libro straordinario, dove i lunghi silenzi, le estenuanti nuotate e i colori conferiscono un ritmo ipnotico a una storia in grado di catturare il lettore fino all’ultima pagina.


Titolo e contributi: Il gusto del cloro / Bastien Vives

Pubblicazione: Firenze : Blackvelvet, 2010

Descrizione fisica: 135 p. : fumetti ; 24 cm

EAN: 9788896197158

Data:2010

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: That's life
Nota:
  • Traduzione di: Le gout du chlore

Nomi: (Editore)

Soggetti:

Classi: 741.5944 Fumetti, romanzi a fumetti, fotoromanzi, vignette, caricature, strisce a fumetti. Francia e principato di Monaco [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2010
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction
Testi (105)
  • Contenuti: fumetti

Sono presenti 4 copie, di cui 1 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
COLLEBEATO L FUM VIV BAS TE-23702 Su scaffale Prestabile
PALAZZOLO SULL'OGLIO L FUM VIV BAS OL-44006 Su scaffale Prestabile
ROVATO FUM 741.5 VIV GUS CQ-53233 Su scaffale Prestabile
CENTRO FUMETTO A. PAZIENZA MON.SC BLVE.02 0006 ZCCF-7905 In prestito 01/03/2019
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Graphic novel minimale, ambientata in una piscina pubblica. Pochi dialoghi, molta gestualità, e movimenti dei corpi ben disegnati. Una leggerezza di fondo nei colori e nella trama (forse anche una certa inconsistenza). La scena più bella? Quella in cui la ragazza protagonista articola parole sott'acqua dirette al ragazzo protagonista: e noi non le capiamo. Chissà cosa gli avrà detto?

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.