Di seguito l'elenco dei 104 titoli partecipanti alla decima edizione, anno 2019, del Concorso Microeditoria di Qualità.
Per poter valutare i titoli in concorso i lettori devono semplicemente leggere uno o più testi e compilare la scheda di valutazione in base alla categoria dell'opera, compilandola online, spedendola via mail al Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano (all'indirizzo biblioteca-sistema@comune.chiari.brescia.it) oppure consegnandola a mano in una qualsiasi delle biblioteche della Rete Bibliotecaria Bresciana, il tutto entro il 13 settembre.

La valutazione dei lettori concorrerà - assieme al giudizio di una giuria ristretta di lettori (bibliotecari, insegnanti, membri dell'associazione L'Impronta, studenti di istituti superiori) - alla decisione sull'assegnazione dei "marchi di qualità" e alla scelta dei libri vincitori delle tre categorie del concorso. La premiazione avverrà all'interno della Rassegna della Microeditoria in programma dall'8 al 10 novembre a Chiari (BS).

CATEGORIA NARRATIVA: 
- download scheda di valutazione NARRATIVA;
- link per la compilazione online NARRATIVA

CATEGORIA SAGGISTICA:
- download scheda di valutazione SAGGISTICA;
- link per la compilazione online SAGGISTICA.

CATEGORIA BAMBINI e RAGAZZI:
- download scheda di valutazione BAMBINI e RAGAZZI;
- link per la compilazione online BAMBINI e RAGAZZI.

Qui è disponibile il pieghevole di presentazione del concorso 2019 e l'elenco dei libri suddivisi nelle varie categorie.

Qui è possibile scaricare la tabella in Excel con tutti i libri in concorso.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Testimonianze

Trovati 4 documenti.

Beati quelli che piangono
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Villoresi, Emilia <1892-1979>

Beati quelli che piangono / di Emilia Villoresi ; a cura di Valerio Villoresi ; prefazione di Emanuele Torreggiani ; illustrazioni di Andrea Ciresola

La Memoria del mondo, 2018

Abstract: "Come le leggi della matematica e della fisica che sono eterne, così il dolore. Teorema che vale qui ed ai confini dell’universo. Il sentire sovrano capace di attraversare, titanico masso erratico che s’incista inamovibile, il tempo della letteratura e la fa classica. Da quando si scavò, laggiù in un qualche angolo di terra dislocata in un qualche luogo, una fossa, e si depose un corpo chiuso a protezione e nutrimento di ventre materno, quella terra indica che laggiù un nostro coetaneo attende in un riposo, definito morte, indicibile. Ed i suoi coetanei, che sono anche nostri, lo onorarono. Il tema del sacro inizia così, anticipando di gran lunga la venuta di ogni religione. Si potrebbe, seguendo questo indirizzo, bussola del sentire umano, dichiarare che il divino, letto come aggettivo, anticipa ogni divinità, che n’è il sostantivo. Le lacrime dunque, vanno e vanno come vanno i torrenti nei fiumi, i mari negli oceani, entro quell’eternità che la materia riflette nella sua vastità confinata che la sola musica dislega all’aperto inteso come l’infinito di tutte le cose finite.“

Il comune denominatore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baldecchi Arcuri, Lidia <pianista e docente di pianoforte>

Il comune denominatore : in forma di sonata ciclica / Lidia Baldecchi Arcuri

2. ed.

Format, 2018

Abstract: Né biografia artistica né manuale di pianoforte (pur avendo una parte centrale dedicata alla tecnica pianistica), questo libro è strutturato in forma di sonata ciclica, aperta alle divagazioni, dove alcune questioni fondamentali tornano e si sviluppano naturalmente. Quali i princìpi che ritornano e le connessioni tra la musica, il teatro, l’architettura, le leggi dell’universo, la sezione aurea e la storia dell’uomo? Cosa ci permette di percepire e creare armonie e bellezza? Cosa significa trasmettere, insegnare, educare attraverso l’ascolto, con equilibrio tra metodo-struttura e spazio per la libertà individuale? Dalle conversazioni dell'autrice con i suoi allievi e dagli incontri con i più grandi musicisti e direttori d'orchestra degli ultimi cinquant'anni, (Martha Argerich, Sir John Barbirolli, Luciano Berio, Alicia de Larrocha, Riccardo Muti, Hephzibah Menuhin, Sviatoslav Richter, Rudolf Serkin, Joseph Szigeti e altri), ciascuno potrà cogliere innumerevoli spunti su cosa significhi "esperienza artistica".

Memorie di un oriundo castelmellese
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guzzoni, Giovanni <1942->

Memorie di un oriundo castelmellese / Giovanni Guzzoni

[S.n.], 2018

Abstract: L'autore prosegue in quest'opera la ricerca storica, bibliografica e memorialistica sul proprio paese natale, Castel Mella. Alla narrazione di memorie sconosciute, personaggi dimenticati, scene desuete della tramontata civiltà contadina, si intrecciano ricordi e annotazioni personali sulla vita dell'autore.

Se mi dici no...
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Borgatti, Simona <1966->

Se mi dici no... / Simona Borgatti

La Memoria del mondo, 2018

Abstract: Simona ama i gatti. Sarà per il cognome, sarà perché sono indipendenti e puliti, sarà perché i suoi genitori non le hanno mai permesso di tenere un cagnolino (che puzza e sbava). Insieme al marito, durante una vacanza all’estero, arriva lei. È sporca e pulciosa. Ma è stata abbandonata, è un cucciolo e li guarda con due occhioni così dolci! Non ci sono dubbi: Zara, che si rivelerà essere un cane di razza Tornjak, entra nei loro cuori e stravolge completamente il tran tran familiare. È la storia di un amore, di un cane e della dedizione della sua padrona, che da indifferente al mondo cinofilo diventa un’appassionata di cani e di Tornjak in particolare per far conoscere questa singolare razza in Italia.