Ecco una selezione delle nuove acquisizioni della biblioteca arrivate negli ultimi 30 giorni

Trovati 4 documenti.

L'emergenza del futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Menga, Ferdinando G. <docente di filosofia>

L'emergenza del futuro : i destini del pianeta e le responsabilità del presente / Ferdinando G. Menga

Donzelli, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Cosa accomuna la vicenda planetaria della pandemia che stiamo attraversando e i numerosi eventi di protesta che, da qualche anno a questa parte, sono stati portati avanti con coraggio e determinazione da Greta Thunberg e dai Fridays for Future? Al netto delle differenze fra «l'evento Covid-19» e «l'evento Greta», entrambi possono essere compresi come avvenimenti che segnano una crisi della contemporaneità. Sebbene con modalità diverse, tutti e due penetrano il nostro presente, lo scuotono, lo interrogano, ne mettono in discussione i dispositivi vigenti, e, così facendo, lo spingono inevitabilmente a un ripensamento non più rinviabile del nostro rapporto con i destini del pianeta e con le generazioni future. È per questo motivo che una delle parole-chiave che sono maggiormente circolate negli ultimi tempi è esattamente futuro. Quali, allora, le poste in gioco di una responsabilità intergenerazionale? Quali le difficoltà di pensarla in modo radicale? Con quali strumenti e attraverso quali modelli? Queste sono le sfide che si impongono alle nostre comunità politiche e devono essere da esse accolte e affrontate.

L'ultimo testimone
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Scarrow, Simon <1962->

L'ultimo testimone / Simon Scarrow ; con Lee Francis

Newton Compton, 2019

Abstract: L'agente speciale dell'FBI Rose Blake ha affrontato il Male ed è sopravvissuta. Ma ora è tormentata dai sensi di colpa per il fallimento della sua missione sotto copertura. Non riesce a liberarsi dei ricordi dell'incontro con lo spietato serial killer che ossessiona i suoi incubi: Shane Koenig è un assassino con un'immaginazione terrificante e un'intelligenza fuori dal comune. Ed è sempre un passo avanti a lei. Rose sa bene che è solo questione di tempo prima che torni a uccidere. Finalmente un nuovo caso sembra essere l'occasione ideale per distrarsi: deve indagare su un uomo arso vivo a causa di un congegno tecnologico. Non è il genere di caso che normalmente viene assegnato all'FBI, ma non c'è niente di ordinario in questa morte. Man mano che Rose scava a fondo, si trova immersa in un mondo simile a quello dei videogiochi di suo figlio. Ma quando il tuo avversario è un assassino, si tratta di un gioco molto pericoloso...

Eredità Caravaggio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Connor, Alex

Eredità Caravaggio / Alex Connor

Newton Compton, 2019

Abstract: Fin da giovanissima, Artemisia Gentileschi si rivela un'artista prodigiosa. Quando ha solo diciassette anni, però, proprio colui che avrebbe dovuto prendersi cura di lei, il suo maestro Agostino Tassi, la stupra. La giovane decide di portare la questione davanti a un tribunale e Orazio Gentileschi, suo padre, acconsente a esami medici invasivi perché si accerti che la ragazza stia dicendo la verità. Tassi viene dichiarato colpevole, ma il papa lo perdona. E la reputazione di Artemisia è rovinata. Nonostante venga pubblicamente considerata alla stregua di una prostituta, costretta a sposare un pittore mediocre per sfuggire alle dicerie di Roma, Artemisia non dimentica Caravaggio, colui che ha creduto nel suo giovane talento. E così sfida i suoi detrattori fino a diventare la prima donna ammessa all'Accademia di Arte del Disegno di Firenze, e a ricevere commissioni da Cosimo II e persino da Carlo I d'Inghilterra. Nel mondo dell'arte interamente dominato dagli uomini, la coraggiosa Artemisia è una stella destinata a brillare. Geniale, ma osteggiata. Ferita, ma vittoriosa.

D'Annunzio e Antonino Liberi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - Liberi, Antonino <1855-1933>

D'Annunzio e Antonino Liberi : carteggio 1879-1933 / [a cura di] Franco Di Tizio

Ianieri, 2009

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Antonino Liberi nacque a Spoltore sabato 17 febbraio 1855 da Pasquale e da Fiorangela Conti, entrambi panettieri. Ebbe due fratelli: Berardino ed Antonio. Antonino, dopo essersi diplomato al liceo classico “Gian Battista Vico” di Chieti, conseguì nel 1881 la laurea in Ingegneria a Napoli. Nel 1883 fu nominato ingegnere comunale di Pescara, su proposta di Francesco Paolo d’Annunzio, padre di Gabriele, all’epoca sindaco della cittadina, il quale lo volle accanto a sé proprio nel momento in cui si apprestava a definire il progetto del palazzo scolastico e del nuovo cimitero. Il 9 gennaio 1884, a seguito dell’approvazione dell’ultimo piano urbanistico da parte del Consiglio comunale, gli fu affidata l’opera di ampliamento della cittadina adriatica, che all’epoca contava oltre seimila abitanti. Con il nuovo incarico, Antonino fu progettista di numerose opere, legate al rinnovamento edilizio pescarese. Nel 1892 sposò Ernestina d’Annunzio, sorella di Gabriele. Nell’edilizia privata Antonino progettò numerosi importanti villini, specialmente a Roma, dove ripropose i caratteri tipici dello stile Liberty. Nel 1924 realizzò per Vincenzo Clerico un eccentrico villino nella Pineta d’Avalos di Pescara, secondo un gusto intriso di Eclettismo ottocentesco. Quello stesso anno iniziò a collaborare con l’architetto Nicola Simeone, dando vita allo “Studio di Ingegneria ed Architettura Liberi & Simeone”, sito a Castellammare Adriatico in Via Cavour, rimasto operante sino al 1931, anno in cui il sodalizio si sciolse. Fu l’ingegnere più importante d’Abruzzo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Tra d’Annunzio e Liberi intercorse un corposo carteggio, che ebbe inizio sin dall’adolescenza e si intensificò nel 1892, allorquando divennero cognati. Il Poeta fu molto legato ad Antonino, perché vide in lui il punto di riferimento della famiglia d’origine. Fu Antonino, infatti, a comunicare epistolarmente con il Poeta, per conto ed a nome della madre, negli anni della Capponcina, del periodo francese e durante la grande guerra. Nel 1926 d’Annunzio gli affidò il restauro della sua casa natale a Pescara. Il carteggio tra il Poeta e il cognato, in effetti, comprendeva oltre duemila missive, ma di esse oggi ne sono note soltanto alcune centinaia, le quali sono pubblicate in questo libro.