BIBLIOTECA DI SONCINO

BIBLIOTECA DI SONCINO

Contacts

Biblioteca Comunale "A.Moro" Soncino
VIA DANTE ALIGHIERI 23, SONCINO
037485653

Horaire Ouverte

Aujourd hui la bibliothèque est ouverte de 09:00 à 12:00 et de 14:00 à 18:00

Affiche l'horaire complet

Da sabato 22 settembre riprendono le letture e i laboratori  per bambini! Vi aspettiamo per questo primo appuntamento...esplosivo!
Vi ricordiamo che l'evento è gratuito e che si potrà partecipare anche in maschera.

L’attuale sede della biblioteca comunale “Aldo Moro” ospitò, a partire dall’ultima decade del 1700, un Teatro pubblico. Grazie alle ricerche storiche condotte dallo storico Ermete Rossi e alle notizie estrapolate dalle pagine della “Storia di Soncino” di Francesco Galantino, è possibile fornire un’accurata cronologia degli interventi strutturali e gestionali dei locali.
 
Inizialmente il ruolo di “Conduttore” del Teatro fu affidato, tramite apposito Atto di Investitura del 1795, a Giov. Battista Pasino Pesenti e i locali furono allestiti in modo minimale con “torce, palchetti, loggione e platea-salone dotato di alcuni vani adibiti a ripostiglio di materiale scenico e camerini per gli artisti in locandina. I servizi igienici erano in comune con gli inquilini delle case addossate al fabbricato”. Inizialmente il ruolo di “Conduttore” del Teatro fu affidato, tramite apposito Atto di Investitura del 1795, a Giov. Battista Pasino Pesenti e i locali furono allestiti in modo minimale con “torce, palchetti, loggione e platea-salone dotato di alcuni vani adibiti a ripostiglio di materiale scenico e camerini per gli artisti in locandina. I servizi igienici erano in comune con gli inquilini delle case addossate al fabbricato”.
  
A seguito dell’Unità d’Italia e del miglioramento delle condizioni economico-sociali, la sede del Teatro fu oggetto di importanti interventi strutturali volti al restauro e all’ammodernamento dell’edificio dove, oltre al repentino arrivo dell’elettricità, nel 1914 debuttò il basso italiano Ezio Pinza.
Negli anni ‘50 l’Amministrazione comunale rese nota l’intenzione di trasformare e ripristinare l’edificio per adattarlo a sala cinematografica. Nel 1967 tuttavia, a causa di alcune necessità strutturali, il Teatro venne chiuso e messo all’asta. A seguito di alcune trattative, l’edificio venne acquisito dall’ impresario Piero Cavalli che, in cambio, consegnò al Comune una sala per pubbliche riunioni e una biblioteca.
                                                                         
Ad oggi la "Aldo Moro" rivolge il proprio servizio ai cittadini di tutte le fasce d’età per soddisfarne gli interessi culturali e le richieste informative. Con un patrimonio librario di oltre 25.000 volumi la biblioteca possiede un’interessante sezione di storia locale, pronta ad esaudire le curiosità dei turisti e gli interessi storico-artistici degli appassionati.


Libri, dvd, manga e fumetti sono esposti al pubblico e immediatamente accessibili agli utenti; non mancano tuttavia volumi in Comunicazione Aumentativa Alternativa, ad Alta Leggibilità e in Corpo 16 quali supporti essenziali per favorire il piacere della lettura anche per utenti affetti da disabilità visive o cognitive. 
Il personale è a disposizione per offrire consulenze, sia relativamente a richieste informative semplici, sia più complesse, che comportino la consultazione di banche dati specializzate o contatti con altre agenzie documentarie.
Tout voir

Prossimi eventi

Aucun événement au programme