Comunidad » Forum » Reseñas

Canti orfici
5 1 0
Campana, Dino <1885-1932>

Canti orfici

Milano : BUR, 2008

Resumen: Una vita errabonda, chiusa a trentatre anni con il ricovero in manicomio, ha fatto di Dino Campana (1885-1932) un maudit, il Rimbaud italiano, un caso clinico da affidare all'aneddotica. Autore di un solo libro, i Canti Orfici (1914), pur affondando le proprie radici nella cultura europea, quella simbolista in particolare, il "poeta pazzo" ha in realtà caratteri propri che lo rendono difficilmente collocabile in una linea o in una tradizione. Quella del "visionario", forse la figura più inquietante del nostro Novecento letterario, è una scrittura orfica (cioè misteriosa, oscura, per iniziati) scaturita da una vena ben consapevole della "purità di accento" che la percorre.

105 Views, 1 Entradas
Clara Toninelli
383 posts

La poesia visionaria e musicale di quell'outsider che fu Dino Campana mantiene il suo incanto su di me.
[L'edizione critica della Ceragioli, per altro, è esemplare per acribia ed intelligenza interpretativa].

#RBBCreadingchallenge2019 - 43: un libro che ti ricorda il tuo primo amore

  • «
  • 1
  • »

7265 Mensajes en 5941 Temas de 852 usuarios

Ahora en línea: Ci sono 1 utenti online