Community » Forum » Reviews

Satantango
0 1 0
Krasznahorkai, László <1954->

Satantango

Bompiani, 2016

Abstract: Il comunismo è ormai al tramonto e nella fangosa campagna ungherese quel che resta di una comunità di individui abbrutiti vive una vita senza speranza in una cooperativa agricola ormai in sfacelo. Tutti vogliono andarsene e sperano in un futuro migliore grazie al denaro che riceveranno dalla chiusura della loro fattoria collettiva. Quando all'improvviso si diffonde la notizia che il carismatico Irimiás, sparito due anni prima e dato ormai da tutti per morto, è stato visto sulla strada che porta al villaggio e sta per tornare pare un miracolo. È l'inizio dell'attesa, dell'avvento incombente di qualcosa che li può liberare ma che avrà pesanti conseguenze sulle loro vite disperate. Si troveranno infatti a far fronte non solo alle astuzie di Irimiás, ma anche ai conflitti che li dividono.

178 Views, 1 Posts
Clara Toninelli
758 posts

Leggere Satantango significa compiere un viaggio (metafisico) nella pioggia e nel fango, nell'abbruttimento e nella decadenza, nel bisogno di illusione, a livello sia di singolo che di comunità, nel senso del tempo, sullo sfondo della sperduta campagna ungherese.

Romanzo molto complesso, per significati e stile, dal lungo e sinuoso periodare alla solida architettura. Visionario, apocalittico, incantatorio, drammatico, potente: e splendido.

  • «
  • 1
  • »

9585 Posts in 7922 Topics by 1069 members

Currently online Ci sono 12 utenti online