Community » Forum » Rezensionen

La meridiana
0 2 0
Jackson, Shirley <1916-1965>

La meridiana

Adelphi, 2021

Abstract: Una famiglia che pullula di svitati, un codazzo di parenti e amici e servitori, una villa monumentale in mezzo a un parco. Sono gli ingredienti di questo romanzo di Shirley Jackson, che si apre con i protagonisti - di tutte le età e affetti da ogni forma di mania - di ritorno dal funerale del figlio di Mrs. Halloran, che, dice serafica la piccola Fancy, la nonna ha buttato giù dalle scale: per tenersi stretta la villa. Come se non bastasse, poco dopo zia Fanny riferisce di aver avuto un incontro in giardino con il padre, defunto da tempo, il quale le ha annunciato che la fine del mondo è imminente e che loro saranno gli unici a salvarsi. E non è finita: qualcuno va a riferire la notizia in città, ed ecco presentarsi la delegazione locale dei Veri Credenti, i quali non possono che condividere la logica apocalittica, ma, siccome sono convinti che a salvarli ci penseranno gli alieni, sono venuti a chiedere di farli atterrare nel parco. E noi lettori, ormai completamente in balìa di una Jackson in stato di grazia, che dispensa a piene mani uno humour che si potrebbe definire vitreo, ci lasceremo trascinare da un crescendo di follie e sorprese - sino, letteralmente, alla fine (del mondo?).

415 Aufrufe, 2 Beiträge
Clara Toninelli
674 posts

ARMAGEDDON E BLACK HUMOR

Prendi una villa isolata su una collina, costruita dal capostipite della famiglia per dimostrare ricchezza e potere ai villici e ai paesani, poi riempila di personaggi eccentrici, altezzosi, cinici e un po' folli. *Decisamente* folli, diciamo...
Come la vedi?

Aggiungo che zia Fanny ha riferito che nel parco della magione le è comparso lo spirito del padre che le ha annunciato l'imminente fine del mondo: solo chi starà nelle mura della villa sarà salvato!

Ah, ho detto che nonna ha buttato il figlio dalle scale, ammazzandolo, per restare in possesso della casa?

E che la nuora, a pagina 1, rientrando dal funerale della suddetta vittima, suo marito, ha questo delizioso scambio di battute con la figlia 9nne:
"La giovane Mrs. Halloran, seguendo con lo sguardo la suocera, disse senza speranza: «Magari schiatta sulla soglia. Fancy, tesoro, ti piacerebbe vedere la nonna schiattare sulla soglia?»
«Sì, mamma». Fancy tirò la lunga gonna del vestito nero che le aveva messo la nonna".

Romanzo perturbante, inquietante, ferocemente sarcastico e divertente: se hai voglia di cioccolato fondente e NON di miele, ti piacerà!

All’interno delle mura di villa Halloran l’improvvisa morte dell’unigenito ha appena consegnato il potere familiare nella mani di Mrs. Halloran, la madre del defunto, la quale si appresta a esercitarlo progettando di liberarsi di tutti i vincoli creati all’interno della casa per poter vivere in una quieta solitudine. Interviene, però, un evento sovrannaturale a chiamare all’azione Mrs. Halloran, rivelandole un’aspirazione superiore: quella della creatice di mondi.

Sua cognata, la vecchia zitella Zia Fanny, ha appena ricevuto comunicazione dallo spirito del defunto padre che il mondo sta per cessare e solo chi si barricherà dentro Villa Halloran, l’eccentrica casa da lui stesso costruita in vita, verrà salvato grazie alla sua intercessione. Non è un caso che a frapporsi tra l’incolumità della villa e la fine del mondo sia proprio l’originario Mr. Hallorn, un uomo che ha calpestato chiunque pur di plasmare la sua idea di mondo in una bizzarria architettonica che avrebbe dovuto elevare e separare il suo retaggio da quello di chiunque altro. L’odierna Mrs Halloran, per quanto non biologicamente parente, ne è l’erede naturale: anch’essa non si fa scrupoli nel piegare al suo volere, eliminandone in primis la dignità, gli abitanti della casa (familiari e “cortigiani”) nell’intenzione di farne materiale facile a plasmarsi a sua discrezione in previsione della venuta di un nuovo mondo a seguito della fine dell’attuale.

La conclusione escatologica del genere umano rende villa Halloran una casa di bambole con cui Mrs Halloran è l’unica bambina capricciosa deputata a giocare. Altri personaggi vorrebbero privarla di tale controllo sulle loro vite (e alcuni di essi, di fatti, imitano la protagonista possedendo una loro personale casa di bambole), ma non hanno la forza e, forse, il desiderio di esercitare tale potere, in quanto ne temono la solitudine che comporterebbe. Infatti nessuno di essi compie mai gesti di ribellioni concreti per opporsi alla tirannnia di Mr. Halloran.

A tutto ciò il lettore assiste mentre ci si avvicina sempre più alla fine del mondo, incerto se sia un destino comune o solo una follia collettiva della casa, evocata per poter giustificare agli occhi degli abitanti la loro stessa passività e solitudine. In perenne attesa, sembra che non ci sia modo per loro di sbloccare la situazione: l’unica a offrire soluzioni concrete opposte a quelle indicate dalla tiranna è la sua diretta erede, sua nipote: la piccola Fancy (bambina-adulto fra adulti-bambini) è, infatti, l’unica a parlare chiaramente dei temi che turbano gli abitanti della villa (morte, potere e identità), ma proprio le sue espressioni dirette derubricheranno la verità a sciocchezze di bambina.

Intanto nei salotti e nelle stanze i dialoghi tra i protagonisti restituiscono una commedia di corte dove espressioni surreali e umoristiche sono affermate con una serietà tale che rende ogni dichiarazione alienante, ma, al tempo stesso, anche il testo piacevole e scorrevole alla lettura.

Qui: https://nonmortientusiastidellavita.wordpress.com/2023/01/09/la-meridiana-di-s-jackson/

  • «
  • 1
  • »

8982 Nachrichten in 7401 Diskussionen von 1008 benutzer

Jetzt online: Ci sono 3 utenti online