E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Aufnehmen: alle die folgenden Filter
× Verleger Editori Laterza <Roma, Bari>
× Subjekt Italia
× Datum 2011

Gefunden 39 Dokumente.

Parameter anzeigen
Il confino fascista
0 0 0
Moderne Bücher

Poesio, Camilla

Il confino fascista : l'arma silenziosa del regime / Camilla Poesio

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Noi domani
0 0 0
Moderne Bücher

Ongini, Vinicio <1956->

Noi domani : un viaggio nella scuola multiculturale / Vinicio Ongini ; prefazione di Tullio De Mauro

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Alpi segrete
0 0 0
Moderne Bücher

Ferrari, Marco Albino <1965->

Alpi segrete : storie di uomini e di montagne / Marco Albino Ferrari

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Pochi sanno delle Alpi segrete. Eppure lassù si nascondono itinerari e storie che non si faranno dimenticare. Le Alpi segrete sono isole meno note del grande arcipelago alpino. Isole dove sopravvive la convinzione che esistano tipi fisici speciali, o dove si trovano i segreti di vecchi alpinisti, o dove ricompare l'orso, o dove si riscoprono antiche chiese affrescate. Le Alpi segrete sono spazi sfuggiti a quel turismo che mira alla definizione di rassicuranti stereotipi. Sono invisibili perché programmaticamente ignorate dalla nostra cultura. Quando si dice Alpi, i più pensano subito alle solite (poche) cime famose: il Cervino, il Monte Bianco, il Gran Paradiso, le Dolomiti. Oppure alle località più alla moda. In realtà questi luoghi dell'industria del turismo non sono che spazi circoscritti. Oltre alle montagne da cartolina, si apre, infatti, il vasto 'mare alpino', un mondo appartato, in gran parte sconosciuto. Marco Albino Ferrari, che nel corso degli ultimi vent'anni ha percorso quelle vallate e quelle cime, racconta le loro storie e ci accompagna fra meraviglie ormai destinate a sparire nell'oblio, fra i ricordi dell'antica società montanara e l'epica della scoperta delle alte quote.

Libertà e benessere in Italia
0 0 0
Moderne Bücher

Libertà e benessere in Italia : 150 anni di storia unitaria e i traguardi del futuro / a cura di Luca Paolazzi ; prefazione di Emma Marcegaglia ; saggi di Gianni Toniolo e Giovanni Vecchi ... [et al.]

Laterza, 2011

Abstract: La libertà (le libertà) e il benessere (multidimensionale) sono legati a doppio filo. La libertà è l'emblema di quell'insieme di regole, scritte e non, di quel capitale sociale su cui si fonda l'economia di mercato che genera benessere. D'altra parte, l'aumento del benessere è foriero di maggiore libertà (sostanziale, seguendo Amartya Sen) perché accresce il ventaglio delle scelte effettivamente percorribili e fruibili dalle persone, rendendole così appunto più libere, ma anche disposte al cambiamento e aperte al nuovo. Maggiore libertà, dunque, per creare più benessere. Maggiore benessere che accresce la libertà. Nei saggi che compongono questo volume il cammino dell'economia e della società italiane viene ripercorso seguendo i binari della libertà e del benessere, per trarne insegnamenti e puntare a nuovi traguardi. L'Italia è una delle prime dieci economie nel mondo. Il reddito dei suoi cittadini è elevato, da nazione ricca. Sono conquiste ottenute in meno di 100 anni, un tempo breve se considerato con lo sguardo lungo della storia. L'aumento del benessere non si è limitato al solo PIL, totale e per abitante. Ha toccato molti aspetti della vita: dalla salute alla dimensione delle abitazioni, dall'istruzione al tempo libero. I momenti di maggior rapidità del progresso hanno coinciso con quelli di apertura agli scambi internazionali e alla concorrenza, con il moltiplicarsi di possibilità di scelta e di libertà nei vari ambiti della convivenza civile.

Elogio del moralismo
0 0 0
Moderne Bücher

Rodotà, Stefano <1933-2017>

Elogio del moralismo / Stefano Rodotà

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Piovono pietre
0 0 0
Moderne Bücher

Robecchi, Alessandro <1960->

Piovono pietre : cronache marziane da un paese assurdo / Alessandro Robecchi

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: La parola d'ordine è: moderatismo, l'eroe contemporaneo è il moderato, la politica ci spiega che per vincere bisogna conquistare i moderati. Se digiti la parola 'Moderato' su Wikipedia ti esce 'Centrismo' (reindirizzamento da moderato). Con moderazione bisogna usare il sale, le carni rosse, naturalmente il vino e ogni tipo di alcolici. È bene moderare la velocità e le parole. Una festa dello sport, dicono molti ricoverati al Policlinico dopo il derby, moderatamente accoltellati. Dovessimo fidarci delle parole, degli incoraggiamenti delle esortazioni ripetute, ci troveremmo a vivere nel posto più moderato del pianeta, tipo la periferia di Berna dopo mezzanotte, e non in un paese allegro, disperato e caciarone dove tutti si mandano affanculo con burbanzosa sollecitudine pur professandosi moderati a ogni passo: con l'ironia che lo caratterizza, Alessandro Robecchi ha scritto un diario minimo in cui racconta tic e manie, paradossi e testacoda della nostra vita quotidiana, alle prese con le tragicomiche giravolte della politica italiana, con follie che diventano normali e ovvie, con la fiction trasformata in realtà e la realtà plasmata sulla fiction. Dal linguaggio che perde senso - sono sereno è la frase pronunciata quasi esclusivamente da inquisiti e imputati, declamata e dichiarata in situazioni estreme nelle quali nessuno di noi sarebbe sereno, ma neanche un po'...

Italiane
0 0 0
Moderne Bücher

Willson, Perry

Italiane : biografia del Novecento / Perry Willson ; traduzione di Paola Marangon

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Nel 2000 gli uomini italiani considerano ancora i lavori domestici un'attività femminile. È il sintomo più scontato delle tantissime disuguaglianze uomo-donna che sono radicate nel nostro paese. Pensando alla cronaca dei nostri giorni, la rappresentazione della donna nei media ha subito una trasformazione radicale, ma è dubbio se le ballerine seminude e le conduttrici con i tacchi a spillo offrano un'immagine più emancipata rispetto a quella delle crocerossine della prima guerra mondiale. Eppure le italiane hanno compiuto progressi straordinari nel corso dell'ultimo secolo. Sono molte e diverse le figure femminili che si affacciano tra le pagine di questo volume, dalle contadine e le lavoranti a domicilio che faticano senza sosta alla casalinga urbana meravigliata del suo primo bagno in casa, dalle militanti cattoliche, comuniste e fasciste alle femministe di varie tendenze. Vi si trovano donne pronte a trasportare bombe per liberare il proprio paese, a commettere un omicidio per salvare l'onore della figlia, a rischiare la vita ricorrendo all'aborto clandestino o persine disposte a morire per Mussolini. Vi sono donne all'avanguardia nel campo del lavoro, dell'istruzione e della politica e numerose animatrici di iniziative sociali, tra cui chi pensa di compiere il 'lavoro di Dio' e chi attribuisce all'assistenza sociale un significato politico profondo, talvolta femminista, persino nazionalista. Vi sono nuore tiranneggiate in famiglie mezzadrili, vedove bianche, studentesse...

Le origini dell'Italia contemporanea
0 0 0
Moderne Bücher

Gentile, Emilio <1946->

Le origini dell'Italia contemporanea : l'età giolittiana / Emilio Gentile

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Gli anni compresi tra la fine dell'Ottocento e la prima guerra mondiale, denominati comunemente come età giolittiana perché dominati dalla personalità politica di Giovanni Giolitti, sono un periodo fondamentale nella storia dell'Italia contemporanea. L'Italia acquistò allora, per la prima volta, i caratteri essenziali di una nazione moderna, ma il progresso fu accompagnato da ostacoli, carenze e insidie, che esplosero dopo la prima guerra mondiale e prepararono le condizioni per la nascita e il successo del fascismo.

Il razionalismo nell'architettura italiana del primo Novecento
0 0 0
Moderne Bücher

De Simone, Rosario

Il razionalismo nell'architettura italiana del primo Novecento / Rosario De Simone ; con la collaborazione di Anna Lupi

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Il volume si apre con un'ampia introduzione che presenta il 'razionalismo italiano', quell'insieme di correnti architettoniche che - partendo dal futurismo - si sono sviluppate in Italia negli anni Venti e Trenta del XX secolo in collegamento con il Movimento Moderno internazionale, proseguendo in vario modo in frange sino agli anni Settanta. Molti i protagonisti e le opere: dal palazzo della Rinascente a Roma di Franco Albini all'idroscalo di Pavia di Giuseppe Pagano, dalla Casa del Fascio a Como di Giuseppe Terragni alla stazione di Santa Maria Novella a Firenze di Giovanni Michelucci, la casa elettrica di Bolzano e il complesso voluto da Olivetti per le Officine di Ivrea progettati da Gino Pollini, per citarne alcuni. Rosario De Simone restituisce gli aspetti salienti del dibattito architettonico italiano in quegli anni e, nelle schede di cui è composto il volume, illustra le realizzazioni dell'architettura razionalista nei diversi contesti urbani e regionali; le relazioni con la cultura architettonica europea; i principali settori dell'attività professionale nell'edilizia pubblica e privata; e analizza le poetiche dei protagonisti dell'architettura razionalista.

Cose da non credere
0 0 0
Moderne Bücher

Dalla Zuanna, Gianpiero <1960-> - Weber, Guglielmo

Cose da non credere : il senso comune alla prova dei numeri / Gianpiero Dalla Zuanna, Guglielmo Weber

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Non ci sono più le famiglie di una volta. Ormai a letto ognuno fa quello che vuole. Stiamo diventando sempre più vecchi: ci aspetta un futuro di povertà. Ci vogliono far lavorare fino a cent'anni. L'unico investimento sicuro è il mattone. Nel nostro paese ci sono troppi immigrati. Sono alcune delle frasi fatte che si sentono ripetere al bar, in autobus, per strada, fra amici. Dietro i luoghi comuni c'è però un dato importante: in appena 30 anni, fra il 1980 e il 2010, l'Italia è entrata in una vera e propria nuova rivoluzione demografica, che tocca tutti i momenti cardine della vita: relazioni di coppia, sessualità, natalità, invecchiamento, migrazioni. Cambiamenti che mettono a dura prova non solo le organizzazioni sociali (scuola, sanità, sistema pensionistico), ma soprattutto le mentalità individuali. Molte persone alimentano paure e insicurezze sul sentito dire, senza avere reale percezione del mondo circostante. Il volume intende dimostrare con i fatti, e i numeri, quello che realmente sta accadendo in Italia, e nel corso delle pagine vengono smontati diversi miti. I primi tre capitoli trattano dei grandi cambiamenti familiari e della vita intima. È vero che la famiglia è ormai sul viale del tramonto? Esiste veramente la rivoluzione sessuale? E perché gli italiani hanno pochi bambini? Seguono altri tre capitoli che trattano di aspetti connessi all'invecchiamento: è vero che una nazione più vecchia è anche più povera?

Notturno italiano
0 0 0
Moderne Bücher

Villari, Lucio <1933->

Notturno italiano : l'esordio inquieto del Novecento / Lucio Villari

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Rapporto sulla scuola in Italia 2011
0 0 0
Moderne Bücher

Fondazione Agnelli <Torino>

Rapporto sulla scuola in Italia 2011 / Fondazione Giovanni Agnelli

Laterza, 2011

Abstract: Fra le famiglie e l'opinione pubblica, la scuola media si è guadagnata la fama di anello debole del sistema d'istruzione italiano. Anche i confronti internazionali la vedono penalizzata sul fronte della qualità degli apprendimenti. Che cosa c'è di vero e perché? Il Rapporto sulla scuola in Italia 2011 affronta in profondità i nodi critici (insegnanti, studenti, risorse educative e organizzative) della secondaria di primo grado, andando alla ricerca delle ragioni del suo malessere e interrogandosi sul senso della sua 'missione' presente. Se, infatti, negli anni Sessanta e Settanta la scuola media è servita a garantire l'originario obiettivo di fare crescere la scolarità italiana, attraverso il completamento dell'obbligo, oggi è una terra di mezzo, che non riesce a dare a tutti i ragazzi le stesse possibilità di successo negli apprendimenti. Come i due precedenti Rapporti, la ricerca si è avvalsa dei contributi multidisciplinari di un'equipe di esperti e nelle sue conclusioni offre indicazioni di policy per un rinnovamento della scuola media italiana nel segno di una maggiore equità ed efficacia.

Uomini e città della Resistenza
0 0 0
Moderne Bücher

Calamandrei, Piero <1889-1956>

Uomini e città della Resistenza : discorsi scritti ed epigrafi / Piero Calamandrei ; a cura di Sergio Luzzatto ; prefazione di Carlo Azeglio Ciampi

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Pubblicato una prima volta nel 1955 in occasione del decennale della Liberazione, Uomini e città del Resistenza è il testo fondatore della nostra epica resistenziale. Questa edizione riproduce l'originale anche nell'immagine di copertina. La disegnò Carlo Levi per l'occasione, in ricordo di un episodio che più di qualunque altro sembrava evocare lo spirito della Resistenza. Un attimo prima di soccombere ai nazisti nel rogo di Sant'Anna di Stazzema, una giovane donna, Genny Marsili, aveva scagliato contro gli aguzzini uno zoccolo: il simbolo, insieme, della sua fierezza e della loro abiezione. Prefazione di Carlo Azeglio Ciampi.

Paesaggi rurali storici
0 0 0
Moderne Bücher

Paesaggi rurali storici : per un catalogo nazionale = Historical rural landscapes : for a national register / a cura di Mauro Agnoletti

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: L'Italia presenta un patrimonio incomparabile di paesaggi forgiati dall'uomo nel corso dei secoli, rappresentativi delle tante civiltà che hanno lasciato impronte sui nostri territori. Essi costituiscono un'eccezionale ricchezza, espressione dell'identità culturale e dell'immagine del nostro paese nel mondo che subisce diverse minacce ma continua a essere oggetto di interesse. La società attuale, il cui malessere è aumentato con i processi di globalizzazione e omologazione contemporanei, esprime sempre più una domanda sul senso dei territori e l'ambiente che viviamo. Per rispondere a questa esigenza, il volume affronta la questione del paesaggio in tutta la sua complessità, senza nessuna concessione a modelli di sviluppo nostalgici o a una illusoria ricerca di una natura sottratta completamente all'influenza o all'intervento dell'uomo. Piuttosto si sofferma sui molteplici fattori sociali, economici e ambientali che nel tempo e nello spazio contribuiscono all'identità paesaggistica di un territorio. È considerando il paesaggio come l'integrazione di questi diversi elementi non come puro fenomeno culturale, che sarà possibile indicare anche nuove vie per l'innovazione e lo sviluppo.

1911
0 0 0
Moderne Bücher

1911 : calendario italiano / a cura di Lorenzo Benadusi e Simona Colarizi

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Taccuini del Risorgimento
0 0 0
Moderne Bücher

Ajello, Nello

Taccuini del Risorgimento / Nello Ajello

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: 22 febbraio 1861 Oggi Sua Santità ha fatto chiamare l'abate dandogli l'incarico di raggiungere Torino per sondare gli umori e i progetti del Conte di Cavour rispetto al ruolo che s'intende assegnare alla Chiesa nel prossimo assetto dell'Italia. Una mossa tale da suscitare l'irritazione del Segretario di Stato Giacomo Antonelli, che ne era ignaro. Appena un'ora dopo è stata diffusa una smentita, ispirata dalle alte sfere vaticane. Vi si contraddice 'la voce' che la Santa Sede stia segretamente trattando con il governo piemontese. 2 marzo 1861 Nel ricordo dell'assedio di Gaeta, che sta diventando un mito benché dolente (e perciò, forse, più suggestivo), domina la figura della Regina, Maria Sofia - Pussi, nel soprannome domestico. È l'adolescente sconfitta, la moglie mitteleuropea di un Re forse esageratamente tacciato di ignavia; privo comunque dell'ascendente che deriva alla consorte dall'essere figlia di un'arciduchessa d'Austria, e di annoverare fra le sorelle maggiori quella Elisabetta, detta Sissi, che è andata sposa all'imperatore Francesco Giuseppe. Con molta più pertinacia di suo marito, Pussi rischia ormai di diventare l'incarnazione di ogni legittimismo. I meglio informati parlano di un'iniziativa in atto a Parigi: nel sobborgo di Saint-Germain un gruppo di dame influenti raccoglie fondi per inviare un dono alla ex sovrana di Napoli. Si tratta di un cofanetto che porterà incise in rilievo sui quattro lati, le scene principali dell'assedio di Gaeta....

Storia intima dei ceti medi
0 0 0
Moderne Bücher

Asquer, Enrica <1980->

Storia intima dei ceti medi : una capitale e una perifieria nell'Italia del miracolo economico/ Enrica Asquer

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Enrica Asquer compie un viaggio storico ed etnografico dentro le case dei ceti medi italiani anni Sessanta, alla scoperta delle memorie e dei valori, dei vezzi e dei gusti di chi ha costruito, nel bene e nel male, il volto del Paese all'ombra del miracolo economico. Una storia orale, intima e minuta, che si intreccia con la più ampia vicenda dell'Italia repubblicana, toccando una delle corde profonde della sua storia culturale. Principali beneficiari di un'Italia dai crescenti consumi privati e dalla certo più debole etica pubblica, i ceti medi urbani sono stati protagonisti ed emblemi di quel profondo rivolgimento sociale e culturale che ha segnato l'Italia contemporanea. Da Milano, capitale del miracolo, e da Cagliari, lembo estremo e imprevisto di una periferia affascinata dallo sviluppo, questo libro ricostruisce il profilo di un aggregato sociale sfuggente ma cruciale, raccogliendo le sue voci e interrogando le sue memorie. Quella che emerge è una parte d'Italia in bilico tra innovazione e conservazione, tra piccole virtù private e indifferenza al bene comune. Un'Italia che diventa più moderna nei gesti e nelle abitudini quotidiane, negli spazi e nei tempi delle sue giornate, ma che non supera alcuni suoi tabù, nella vita familiare, nella relazione tra i generi, nel rapporto con la sfera pubblica.

Esperienze di governo del territorio
0 0 0
Moderne Bücher

Esperienze di governo del territorio : tra effetti perversi e prove di democrazia / a cura di Antonietta Mazzette

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: In Italia manca un'idea complessiva di governo del territorio orientato verso la tutela. Manca, cioè, una qualsiasi idea di programmazione che sarebbe compito della politica e delle amministrazioni locali produrre. Questo volume raccoglie i risultati di una ricerca su alcune regioni italiane diverse fra loro per storia, dinamiche demografiche e tessuto economico, ma anche sotto i profili degli insediamenti territoriali, dell'esperienza di progettazione, del ruolo degli attori politici e delle mappe del potere. Dalla ricerca emergono forme differenziate di governo privato del territorio che, nei diversi decenni del XX secolo e degli inizi del XXI, hanno influito pesantemente sulle scelte strategiche territoriali, a scapito degli interessi generali collettivi. Gli effetti di queste pratiche sono ben visibili, seppure se ne parli soltanto quando si presentano emergenze ambientali. In questa delega al privato, non possono che crescere le difficoltà per i cittadini di far parte della città, come esercizio di cittadinanza e come integrazione territoriale.

La mutazione individualista
0 0 0
Moderne Bücher

Gozzini, Giovanni <1955->

La mutazione individualista : gli italiani e la televisione : 1954-2011 / Giovanni Gozzini

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Molto più di tutti gli altri media che l'hanno preceduta nella storia (stampa, radio, cinema) la televisione suscita mitologie e denunce, entusiasmo e demonizzazione, assuefazione e ripulsa. Secondo il Censis l'Italia di oggi appare una società frammentata e confusa, priva di punti di riferimento forti e stabili, dove la televisione domina largamente i consumi culturali. Quasi il 70% dei cittadini le si affida (in particolare ai telegiornali) per formare le proprie scelte di voto. Giovanni Gozzini ripercorre le tappe principali dell'uso della tv da parte degli italiani. Dalla televisione top-down, pedagogica e autoreferenziale di Ettore Bernabei a una televisione bottom-up, bidirezionale che - lungo un percorso che va da trasmissioni come Portobello (1977) fino al Grande Fratello (2000) - mette in scena, celebra e mitizza l'italiano medio. Senza contare le reti private commerciali. La tesi di Giovanni Gozzini è che la tv più che determinare il mutamento ha rispecchiato, catalizzato e amplificato la 'rivoluzione individualista' esplosa negli anni '80 e celebrata dalla permanenza di Berlusconi sulla scena politica. Nonostante la televisione funzioni dappertutto nel mondo come in Italia, solo da noi è diventata soggetto politico. Così, frammentata e individualista, l'Italia sopravviverà anche dopo Berlusconi.

L'economia del noi
0 0 0
Moderne Bücher

Carlini, Roberta

L'economia del noi : l'Italia che condivide / Roberta Carlini

Roma ; Bari : Laterza, 2011

Abstract: Storie di vita, di esperienze fondate sui legami sociali, nelle quali gruppi di persone entrano in relazione e cercano soluzioni comunitarie a problemi economici, ispirate a principi di reciprocità, solidarietà, socialità, valori ideali, etici o religiosi: fuori dalla logica esclusiva dell'homo economicus, ma dentro il mercato; fuori dalla scena politica istituzionale, ma spesso con l'ambizione di portare una propria visione politica nel fare quotidiano; fuori dal binomio Stato/mercato, dentro lo spazio dei beni comuni. Roberta Carlini raccoglie testimonianze e dati, indaga le motivazioni che portano migliaia di persone a mettere la collaborazione al centro della propria attività nella sfera del lavoro, del consumo, del risparmio, della propria impresa, della vita quotidiana. Motivazioni che hanno radici antiche nella storia dei rapporti tra società ed economia e che trovano nuova forza oggi, per un concorso di motivi: la crisi economica che ha rimesso in discussione il modello teorico totalmente concentrato sulla logica dell'interesse individuale ed egoistico; il nuovo contesto dell'economia della conoscenza, nel quale la logica della collaborazione prevale su quella della competizione; il crescente interesse alla tutela dei beni comuni e alle forme organizzative che maggiormente la garantiscano. Emerge un pezzo di società italiana che, essendo concentrata sul fare più che sull'apparire, ha di solito poca visibilità nella narrazione pubblica. Ma che incrocia molti dei temi cruciali della politica.