E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Aufnehmen: keine den folgenden Filter
× Land Belgium
Aufnehmen: alle die folgenden Filter
× Subjekt Atti di congressi

Gefunden 9024 Dokumente.

Parameter anzeigen
Erotismo, eversione, merce
0 0 0
Moderne Bücher

Erotismo, eversione, merce / nuova edizione a cura di Fabio Francione

Mimesis, 2019

Abstract: Nel dicembre 1973, per la Commissione Cinema del Comune di Bologna e la Mostra Internazionale del Cinema Libero di Porretta Terme,Vittorio Boarini, allora direttore della Cineteca di Bologna, e Pietro Bonfiglioli, critico di arte, letteratura e cinema, curarono un convegno che avrebbe avuto un ruolo storico nella vita culturale della città e che si intitolava Erotismo, eversione, merce. Erano gli anni di film quali Trans-Europ- Express (1966) di Robbe-Grillet, L’armata a cavallo (1966) di Jancsò, Storia segreta del dopoguerra (1970) di Oshima, Trash (1970) di Morrissey, I diavoli (1971) di Ken Russell, Il Decameron (1971) e I racconti di Canterbury (1972) di Pasolini, Arancia meccanica (1971) di Kubrick, Ultimo tango a Parigi (1972) di Bernardo Bertolucci, La grande abbuffata (1973) di Ferreri e di molti altri. Pellicole che trasgredivano le convenzioni moralistiche e sfidavano i codici della censura. L’Eros, come scrivevano Boarini e Bonfiglioli, «non è un tema tra gli altri, ma la stessa coscienza erotica dell’immagine cinematografica come sensibilità e corporeità».

Romano Guardini e i suoi paesaggi
0 0 0
Moderne Bücher

Romano Guardini e i suoi paesaggi : atti di convegno, Isola Vicentina, 6 ottobre 2018 / a cura di Giuliana Fabris ; contributi di Elisabetta Berlaffa ... [et al.]

Aracne, 2019

Abstract: Abituati a una teologia dogmatica, si può trovare sorprendente la concezione cattolica di Romano Guardini, che guarda il mondo, lo vive e lo invita a guardare e vivere nella presenza di Cristo liberatore. Non, quindi, scenari ideali o concetti astratti, bensì presenza e comprensione del mondo immerso nel mistero di un male già riscattato e di un’umanità redenta. È il Guardini umano che qui è raccontato, il Guardini che viveva in uno spazio intimo profondo, che possiamo chiamare anima o libertà. Un Guardini che invita a seguirlo, sulla via già tracciata.

Italia e Germania tra Ottocento e Novecento
0 0 0
Moderne Bücher

Italia e Germania tra Ottocento e Novecento : atti del Convegno tenutosi a Como, presso il Chiostro di Sant'Abbondio, il 31 ottobre 2017 / a cura di Gabriella Mangione e Lino Panzeri

Mimesis, 2019

Abstract: L’incontro, organizzato dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria con il patrocinio del Centro italo-tedesco per l’eccellenza europea “Villa Vigoni”, ha esplorato, in chiave interdisciplinare, i molteplici aspetti – storici, giuridici, culturali, linguistici – del rapporto maturato tra Italia e Germania negli ultimi due secoli. L’indagine degli scambi e delle interazioni che, da sempre, legano i due Paesi si rivela preziosa sia per comprenderne l’importanza per lo sviluppo di entrambi, sia per cogliere le potenzialità del contributo che, in quanto Paesi cofondatori della UE, essi potranno offrire al superamento della fase di crisi in atto e all’ulteriore slancio del progetto europeo.

Anatomia di un miracolo
0 0 0
Moderne Bücher

Anatomia di un miracolo : i santi Faustino e Giovita all'assedio di Brescia (13 dicembre 1438) / Nicolangelo D'Acunto (ed.)

Morcelliana, 2019

Abstract: 13 dicembre 1438: il condottiero Niccolò Piccinino, alla guida delle truppe milanesi, cerca di impadronirsi della città di Brescia, ma i santi martiri Faustino e Giovita appaiono sulle mura e respingono l'attacco. La città è libera e d'ora in poi entrerà definitivamente nella sfera politica di Venezia. Storici del medioevo e dell'età moderna, filologi, studiosi di letteratura italiana e di storia della liturgia sono chiamati attorno a questo miracolo per farne "l'anatomia", analizzando l'episodio, il contesto politico-militare in cui è ambientato, le fonti medievali che lo riguardano, delle sue successive rielaborazioni di età moderna e mille riverberi che esso ha avuto nella cultura e nella vita religiosa bresciana.

Bilateralità tra welfare e nuovi modelli contrattuali
0 0 0
Moderne Bücher

Bilateralità tra welfare e nuovi modelli contrattuali / a cura di Simona Marchi, Delia Nardone

Ediesse, 2019

Abstract: Si tratta del più recente del ciclo di eventi che la Cgil nazionale, in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Di Vittorio, ha voluto dedicare all’approfondimento dei diversi aspetti che caratterizzano la bilateralità, con lo scopo di evidenziarne la pluralità di sfaccettature e di punti di osservazione e per cercare di leggerne, prospetticamente, lo sviluppo. Al seminario hanno partecipato, in qualità di relatori, esperti provenienti dal mondo della ricerca e della formazione, dirigenti sindacali, segretari generali di alcune importanti categorie, segretari confederali, segretari di altre sigle sindacali e rappresentanti delle parti datoriali. I temi affrontati sono stati: il futuro della bilateralità fra norma contrattuale e norma legislativa, il fenomeno del welfare contrattuale e i fondi sanitari, l’analisi delle prestazioni degli Enti bilaterali. L’evento è stato occasione per approfondire le dimensioni politiche, organizzative e formative connesse a tali tematiche, e si è dimostrato uno spazio discorsivo e di elaborazione utile a sviluppare confronto, orientamenti condivisi e apprendimento.

Dosis d'olige te phile te
0 0 0
Moderne Bücher

Dosis d'olige te phile te : studi offerti a Mario Cantilena per i suoi 70 anni / a cura di Silvia Barbantani e Antonietta Porro

Vita e pensiero, 2019

Abstract: Il volume comprende la versione a stampa degli interventi che alcuni allievi hanno offerto a Mario Cantilena, già professore ordinario di Lingua e letteratura greca all'Università Cattolica del Sacro Cuore, nel corso della giornata di studi svoltasi il 18 aprile 2018 in occasione dei suoi settant'anni. Gli articoli trattano diversi temi che riflettono gli interessi di studio di Mario Cantilena: essi si sviluppano lungo un arco temporale piuttosto ampio, che, partendo dalla letteratura greca arcaica, soprattutto epica, giunge alla prosa di età imperiale. Alcuni lavori si misurano anche, in chiave comparativa, con le tradizioni poetiche indoeuropee o si declinano nella dimensione della ricezione dell'antico nelle letterature e nelle esperienze musicali europee dell'età moderna.

La ricerca musicologica in Italia
0 0 0
Moderne Bücher

La ricerca musicologica in Italia : stato e prospettive : atti della giornata nazionale di studi, Roma, Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, 26 settembre 2017 / a cura di Antonio Caroccia

LoGisma, 2019

Abstract: La ricerca musicologica in Italia: stato e prospettive accoglie alcune delle relazioni presentate durante la giornata di studi tenutasi nella sala della "Comunicazione" del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca il 26 settembre del 2017. L'iniziativa, promossa dall'Associazione fra Docenti Universitari Italiani di Musica, dalla Conferenza nazionale dei Direttori dei Conservatori di Musica, dalla Fondazione Istituto Italiano per la Storia della Musica, dall'Associazione culturale «Il Saggiatore musicale» e dalla Società Italiana di Musicologia ha permesso di conoscere meglio il mondo della ricerca musicologica in Italia.

La biblioteca che cresce
0 0 0
Moderne Bücher

La biblioteca che cresce : convegno : contenuti e servizi tra frammentazione e integrazione : Milano, 14-15 marzo 2019

Bibliografica, 2019

Abstract: Il volume, diviso per sessioni, contiene tutte le relazioni dei relatori che hanno apportato il loro contributo al Convegno Stelline 2019, in entrambe le giornate di giovedì 14 e venerdì 15 marzo.

Five centuries later
0 0 0
Moderne Bücher

Five centuries later : Aldus Manutius : culture, typography and philology / a cura di Natale Vacalebre

Olschki : Biblioteca Ambrosiana, 2018

Abstract: Il volume raccoglie gli atti dell'omonimo convegno internazionale tenutosi presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano nel dicembre del 2015. I saggi ospitati all'interno del libro costituiscono una diretta rappresentazione delle nuove correnti di studio incentrate sulla figura di Aldo Manuzio. Attraverso i quattordici contributi interdisciplinari di autori europei e americani viene offerta di fatto una ricca panoramica delle differenti tendenze e dei nuovi percorsi d'indagine (studi socioeconomici, storicoartistici, linguistici, di storia del collezionismo e del commercio librario etc.) che gli studiosi dell'avventura aldina hanno sviluppato negli ultimi decenni.

Cambiamenti climatici
0 0 0
Moderne Bücher

Cambiamenti climatici : atti del convegno : Capo di Ponte, 21 aprile 2018

[S.n., 2018]

Abstract: Atti del convegno sul cambiamento climatico, con particolare riferimento alle zone alpine, tenuto a Capo di Ponte il 21 aprile 2018

Mario Rigoni Stern
0 0 0
Moderne Bücher

Mario Rigoni Stern : un uomo tante storie nessun confine / a cura di Anna Maria Cavallarin, Annalisa Scapin

Priuli & Verlucca, 2018

Abstract: Atti del Festivalconvegno internazionale di studi Mario Rigoni Stern, Asiago 3-5 novembre 2017

Atti del Convegno Mario Pedini e Montichiari
0 0 0
Moderne Bücher

Convegno Mario Pedini e Montichiari <2018 ; Montichiari>

Atti del Convegno Mario Pedini e Montichiari : sabato 24 marzo 2018

Comune di Montichiari, [2018]

Abstract: Atti del convegno tenuto a Montichiari il 24 marzo 2018, su Mario Pedini e le sue relazioni con Montichiari

L'utopia alla prova dell'umorismo
0 0 0
Moderne Bücher

Giornate di studi utopici <2016 ; Milano>

L'utopia alla prova dell'umorismo : per una prassi e una poetica del discorso universitario : atti delle Giornate di studi utopici, Università degli studi di Milano, 1-2 dicembre 2016 / a cura di Francesco Adriano Clarici, Sara Di Alessandro, Rosalba Maletta

Mimesis, 2018

Abstract: Utopia come possibilità di vita della specie umana consociata, ma pure utopia come inganno e smentita di questa scelta obbligata. Umorismo come dispositivo atto a frenare le derive totalizzanti e polarizzate di un pensare tendente all'auto-idealizzazione. Utopia e umorismo quali ingredienti indispensabili del poetico e della letteratura per superare la miseria neotenica degli inizi senza fughe nel narcisismo di morte. Il volume offre al lettore una panoramica su splendori e miserie di quell'utopia che è la condizione umana, temperata dall'umorismo che la rende commedia.

Luciano Silveri
0 0 0
Moderne Bücher

Luciano Silveri : sulla strada dai molti cammini : atti del convegno, Salò 30 settembre 2017

[S.n.], 2018

Abstract: Atti del convegno su Luciano Silveri tenuto a Salò il 30 settembre 2017

La professionalità docente
0 0 0
Moderne Bücher

La professionalità docente : materiali per una critica sindacale / a cura di Igor Piotto

Ediesse, 2018

Abstract: Sono anni che il movimento sindacale contrasta i provvedimenti volti a destrutturare l’impianto della scuola pubblica emerso con la sperimentazione e la legislazione degli anni Settanta e Ottanta; più consistente è invece la fatica di tradurre l’elaborazione critica e analitica in una progettualità declinabile sul terreno della materia contrattuale. La legge 107/2015, intercettando un bisogno di cambiamento nella valorizzazione professionale, ha fornito però una risposta irricevibile che riproponeva, in modo piuttosto confuso e con diversi anni di ritardo, i fondamenti culturali della svolta di matrice neoliberista. Concetti distinti come impegno, merito, professionalità sono stati mescolati al fine di rappresentare nell’immaginario collettivo una risposta al bisogno di riconoscimento professionale che costituisce uno dei punti più delicati del lavoro educativo, approdando inesorabilmente ad una logica di tipo aziendalistico. È in questa cornice che matura la proposta di un convegno sulla professionalità docente, promosso dalla FLC CGIL Piemonte e i cui risultati sono raccolti in questo volume, per rispondere all’esigenza di entrare in un terreno difficile da sempre per il movimento sindacale, ma necessario per definire una strategia complessiva in grado di tenere insieme la sensibilità pedagogica con il profilo identitario del lavoro e con il controllo sull’organizzazione del lavoro. I contributi che seguono la relazione introduttiva si sviluppano su percorsi articolati: dalla riflessione in materia di professionalità nella cornice ministeriale all’elaborazione sui contenuti professionali della docenza professionale, per concludere con la lettura sociologica delle relazioni sindacali nel comparto scuola.

Convegno di studio in ricordo di Padre Glisente Moscardi (1927-1995) missionario cappuccino
0 0 0
Moderne Bücher

Convegno di studio in ricordo di Padre Glisente Moscardi (1927-1995) missionario cappuccino : Breno, 11 novembre 2017 : atti

Fondazione Camunitas, 2018

Memento mori
0 0 0
Moderne Bücher

Memento mori : ritualità, immagine e immaginario della morte nelle Alpi / [a cura di Luca Giarelli]

Youcanprint, 2018

Abstract: Raccolta di saggi a tema artistico, antropologico e archeologico riguardanti l'argomento della morte nell'arco alpino. Tra i soggetti esaminati vi sono i Trionfi della morte e le Danze macabre (a Clusone, Iseo, Pisogne, Bienno, Cassiglio, Pinzolo, Carisolo), le tradizioni funebri in Val d'Aosta e alta Valtellina e alcune indagini archeologiche in Trentino e nel Bellunese. In appendice la ristampa anastatica della "Mariegola della confraternita di s. Giovanni Battista in Cimbergo di Valcamonica" di don Romolo Putelli.

Musicanti!
0 0 0
Moderne Bücher

Musicanti! : le bande marciano in archivio : un progetto di recupero, gestione e valorizzazione delle fonti musicali del territorio ferrarese : atti della giornata di studi, Ferrara, Palazzo Paradiso, Sala Agnelli 25 novembre 2017 / a cura di Enrico Spinelli ; con la collaborazione di Roberto Roda

Guardamagna, 2018

Abstract: Il volume contiene gli Atti della giornata di studi "Musicanti ! Le bande marciano in archivio", tenuta a Palazzo Paradiso il 25 novembre 2017 e dedicata al recupero, alla gestione e alla valorizzazione delle fonti musicali cittadine, con particolare riguardo agli archivi delle antiche bande musicali. Nel 2017, l'Archivio Storico comunale acquisì (e tuttora la conserva, mettendola a disposizione del pubblico e degli studiosi) la ricca dotazione di spartiti dell'ex Banda cittadina "Francesco Musi" e quella appartenuta alla Filarmonica "G. Verdi", meglio conosciuta come Banda di Cona. Oltre 30 metri lineari di documentazione rappresentano una straordinaria quanto originale testimonianza di musica manoscritta, lungo un arco temporale che va indicativamente dalla metà dell'Ottocento sino agli ultimi decenni del secolo scorso. Il cospicuo nucleo di documentazione segue il percorso artistico della grande musica nazionale (Rossini, Donizetti, Bellini, Verdi, Puccini, Mascagni etc.) e di quella europea (Mozart, Beethoven, Wagner, Bizet, Massenet, etc.), indicandone la diffusione in città e nella provincia, attraverso l'azione svolta localmente proprio dalle bande che grande funzione ebbero nel Risorgimento e nella Storia dell'Italia unita. Il volume si arricchisce di testimonianze riguardanti anche altre realtà territoriali, emiliano-romagnole e venete, offrendo un'originale lettura di tipo antropologico del fenomeno bandistico a livello nazionale.

Fortunato Martinengo
0 0 0
Moderne Bücher

Fortunato Martinengo : un gentiluomo del Rinascimento fra arti, lettere e musica / a cura di Marco Bizzarini e Elisabetta Selmi

Ateneo di Brescia, Accademia di scienze, lettere ed arti : Morcelliana, 2018

Abstract: Contemplando il ritratto del conte Fortunato Martinengo oggi esposto alla National Gallery di Londra non si può che essere rapiti dallo sguardo assorto del giovane gentiluomo sontuosamente abbigliato e circondato da una foresta di simboli oggi non facilmente decifrabili. Quale immagine di sé egli intendeva evocare? Quella di un melanconico sognatore? Di un erudito filosofo? O semplicemente di un uomo dubbioso? E qual è il profondo significato del motto greco riprodotto sul cappello (“Ahimè, troppo desidero”), apparentemente estraneo, in questa precisa forma gnomica, a fonti e tradizioni letterarie antiche? Non c’è dubbio che proprio questo celebre dipinto del Moretto si distingua nettamente per valori artistici e per fascino storico non solo all’interno del catalogo del pittore bresciano, ma nel più ampio contesto della ritrattistica cinquecentesca italiana. Il capolavoro del Bonvicino, con il suo carico di enigmi irrisolti, ha dunque rappresentato un ideale punto di partenza per l’articolato percorso di studi avviato dal Convegno internazionale su Fortunato Martinengo promosso congiuntamente con l’Ateneo di Brescia e l’Ateneo Veneto di Venezia. Il convegno si proponeva di far luce sul nobile bresciano ritratto dal Moretto, di cui non si dispone oggi neppure di una breve voce nel Dizionario biografico degli Italiani; nondimeno la sua straordinaria personalità ebbe grande rilevanza nei cenacoli culturali dell’epoca per quanto riguarda le lettere, la passione civile, l’editoria, la musica, le arti figurative, il pensiero filosofico e religioso. Una biografia, quella del Martinengo, intessuta di ambiziosi progetti editoriali, di splendidi mecenatismi, ma anche di amicizie pericolose che forse, nel lungo periodo, finirono per decretarne una sorta di damnatio memoriae. Fortunato (nome di battesimo Fortunale) era nato ad Arco di Trento il 9 luglio 1512, figlio di Cesare ii, appartenente a quel ramo bresciano dei Martinengo che già nel xvi secolo si cominciava a definire “de’ Cesareschi”. Sua madre era Ippolita Gambara, del medesimo lignaggio della poetessa Veronica. Al pari di molti altri aristocratici concittadini, Fortunato studiò a Padova e nella città veneta entrò presto in contatto con Sperone Speroni e con l’Accademia degli Infiammati. Bernardino Tomitano gli riserverà un ruolo centrale nei Ragionamenti della lingua toscana (1545). Uomo colto e raffinato, amante dell’eleganza, proprietario di un ingente patrimonio, coltivava in prima persona la poesia dedicandosi con singolare passione anche alla musica. Forti inquietudini spirituali lo portarono a progettare un avventuroso pellegrinaggio in Terrasanta. Ben presto acquisì rinomanza, anche al di là delle Alpi, tra numerosi letterati. Come si può immaginare, sono molteplici gli interrogativi sollevati dall’enigmatica personalità dell’aristocratico bresciano entro uno scacchiere fortemente ramificato, tale non solo da trascendere i confini della storia locale, ma da imporre di necessità un approccio multidisciplinare. Negli ultimi tempi il panorama degli studi si è notevolmente arricchito: sulla diffusione degli scritti erasmiani in Italia e sulla penetrazione di istanze riformistiche è appena il caso di ricordare i fondamentali apporti di specialisti quali Silvana Seidel Menchi, Adriano Prosperi e Achille Olivieri. Per venire nello specifico a Fortunato Martinengo, si segnalano – in ambito storico-letterario – i recenti contributi di chi scrive e di Marco Faini. Inoltre Pino Marchetti ha chiarito diversi aspetti del rapporto tra Fortunato e il teorico musicale d’origine ebraica Pietro Aaron; Bonnie Blackburn ha messo in relazione con la cerchia del Martinengo il giovanile soggiorno bresciano del celebre compositore oltremontano Cipriano de Rore, mentre lo scrivente ha dimostrato che Barbara Calini, “madrina” dell’Accademia degli Occulti (per molti aspetti ideale prosecuzione del cenacolo dei Dubbiosi), era figlia di una sorella di Fortunato. Da questo rinnovato quadro delle conoscenze ha preso le mosse il convegno del 2016 di cui ora si pubblicano integralmente gli atti. Grazie a una minuziosa consultazione delle superstiti carte dell’Archivio Storico Privato Martinengo Cesaresco, non poche novità documentarie emergono dai contributi iniziali.

La guerra e lo Stato
0 0 0
Moderne Bücher

La guerra e lo Stato : 1914-1918 / a cura di Giovanna Procacci, Nicola Labanca, Federico Goddi

Unicopli, 2018

Abstract: Con quali misure i vari paesi europei affrontarono la situazione eccezionale determinata dalla guerra? Quali le trasformazioni delle funzioni pubbliche prodotte dallo stato di eccezione? E quali nuovi rapporti si istaurarono non solo tra i poteri dello Stato e tra civili e militari, ma anche tra il centro e la periferia, tra le istituzioni pubbliche e quelle private? Il volume comprende saggi di studiosi stranieri ed italiani (tra i quali Robert Skidelsky, Gerhard Hirschfeld, Fabienne Boch, Christophe Charle, Pietro Costa, Pierluigi Ciocca, Giorgio La Malfa, Paola Carucci, Luigi Tomassini, Andrea Panaccione), che affrontano sotto diverse angolature le trasformazioni che nei principali paesi europei, e in Italia in particolare, la guerra produsse nella struttura dello Stato, nei rapporti tra i vari poteri, nell'economia e nella vita sociale del paese. Il volume termina con le riflessioni sulle conseguenze del conflitto in Europa nel breve e nel lungo periodo.