Community » Forum » Recensioni

Bestiari del Medioevo
5 1 0
Pastoureau, Michel <1947->

Bestiari del Medioevo

Einaudi, 2012

Abstract: A differenza di quanto generalmente si creda, gli uomini del Medioevo sapevano osservare assai bene la fauna e la flora, ma non pensavano affatto che ciò avesse un rapporto con il sapere, né che potesse condurre alla verità. Quest'ultima non rientra nel campo della fisica, ma della metafisica: il reale è una cosa, il vero un'altra, diversa. Allo stesso modo, artisti e illustratori sarebbero stati perfettamente in grado di raffigurare gli animali in maniera realistica, eppure iniziarono a farlo solo al termine del Medioevo. Dal loro punto di vista, infatti, le rappresentazioni convenzionali - quelle che si vedono nei bestiari miniati - erano più importanti e veritiere di quelle naturalistiche. Per la cultura medievale, preciso non significa vero. Del resto, cos'è una rappresentazione realistica se non una forma di rappresentazione convenzionale come tante altre? Non è radicalmente diversa né costituisce un progresso. Se non si cogliesse questo aspetto, non si capirebbe niente né dell'arte medievale né della storia delle immagini. Nell'immagine tutto è convenzione, compreso il 'realismo'.

50 Visite, 1 Messaggi

Un fantastico libro, non solo per le immagini contenute (molto belle, perfettamente riprodotte), ma per la chiara esposizione, sia nella introduttiva che ci spiega cosa fosse realmente un bestiario medievale e di quali aspettative cognitive e sociali fosse caricato, sia in quella dedicata a ogni animale.
Consigliatissimo.

  • «
  • 1
  • »

6824 Messaggi in 5562 Discussioni di 807 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online