E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Cataloghi di esposizioni

Trovati 18529 documenti.

Mostra parametri
De re aedificatoria
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De re aedificatoria : opere di Mario Pozzan / a cura di Paolo Conti, Valter Rosa e Andrea Visioli

[S.n.], 2020

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Il Carmine a colori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Borrani, Fausto <1925-2014>

Il Carmine a colori / Fausto Borrani

Museo nazionale della fotografia : Cinefotoclub Brescia, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La mostra raccoglie una serie di fotografie realizzate nel quartiere del Carmine, scelte tra le migliaia presenti nell’archivio, quadrilatero urbano dal fascino unico, in continuo fermento e trasformazione. Le immagini di Borrani lo raccontano a cavallo degli anni ’60/’70/‘80, attraverso il colore che emana l’atmosfera che si respirava nel quartiere prima delle trasformazioni avvenute agli inizi del nuovo millennio. E’ un viaggio in un passato non troppo lontano, in un luogo che ha subito le trasformazioni degli ultimi decenni, trasformazioni che hanno modificato il tessuto urbano e l’aspetto delle abitazioni, hanno cambiando le destinazioni d’uso dei negozi, facendo però rimanere ancora oggi il Carmine il cuore pulsante della città, mettendo in rilievo la sua anima più vera, più popolare ed autentica.

Alessandro Pianeti (1902-1938)
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Alessandro Pianeti (1902-1938) : una porta socchiusa sulla modernità / [a cura di] Marco Camisani, Fabiana Verrillo

Aref, 2019

Abstract: Alessandro Pianeti (1902-1938) è una figura artistica che è stata ora riscoperta e ricollocata correttamente nell’ambito della pittura bresciana della prima metà del ‘900. Giovane della cerchia di Virgilio Vecchia, nella sua breve esistenza, risulta essere forse l’unico pittore bresciano capace di assimilare le nuove proposte che la sperimentazione artistica italiana andava elaborando negli anni Trenta. Attraverso la sua presenza alle sindacali lombarde e la consultazione dell’archivio di Vecchia, Pianeti si rifà alla corrente del primitivismo pittorico, rielaborando in chiave assolutamente personale i dettami di questo filone artistico. I volti di giovani ragazze, tema ricorrente nei suoi quadri, sono delle icone metafisiche inserite in uno spazio tempo non caratterizzato; un altro elemento interessante del pittore è la sua tavolozza, composta da accostamenti cromatici inediti per la tradizione pittorica bresciana. In occasione della mostra è stato realizzato un catalogo che ricostruisce per la prima volta l’attività artistica e la biografia di Alessandro Pianeti.

Peggy Guggenheim
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Peggy Guggenheim : l'ultima dogaressa / a cura di Karole P. B. Vail ; con Viviven Greene

Peggy Guggenheim Collection : Marsilio, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un volume nuovo che guarda alla carriera di Peggy Guggenheim, collezionista e mecenate delle arti, in ogni suo aspetto. Partendo dalle prime esperienze come gallerista a Londra, dove il suo intervento è fondamentale per introdurre l'arte moderna nella capitale britannica, si attraversa la Manica per arrivare a Parigi nei mesi che porteranno alla seconda guerra mondiale, quando Guggenheim è decisa a "comperare un quadro al giorno" e il suo collezionismo è all'apice. Arrivata poco tempo dopo a New York, inaugura una galleria-museo rivoluzionaria, Art of This Century, che pone le basi per i giovani artisti dell'Espressionismo astratto americano. "L'ultima dogaressa" dedica particolare attenzione ai trent'anni che Guggenheim trascorre poi a Venezia, dove acquista un palazzo sul Canal Grande che diventa la dimora definitiva della sua collezione e che apre al pubblico. Questo volume illustrato è un compendio visivo del collezionismo e del mecenatismo di Peggy Guggenheim, con immagini anche inedite e riproduzioni di opere meno conosciute, che offrono una visione d'insieme della collezione. Studiosi internazionali ne prendono scrupolosamente in esame le attività visionarie in dodici saggi frutto di nuove e approfondite ricerche e in tre interviste. "L'ultima dogaressa" è un libro sulle vicende coinvolgenti e poliedriche di Peggy Guggenheim, una fonte di informazioni sul formarsi di una collezione tra le più amate e significative d'arte moderna del XX secolo.

Incisioni di Agostino Arrivabene e Edoardo Fontana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Incisioni di Agostino Arrivabene e Edoardo Fontana / a cura di Silvia Scaravaggi

Museo civico Crema, 2019

Salomè, o La dimenticanza del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salomè, o La dimenticanza del male / a cura di Edoardo Fontana

Museo civico Crema, 2019

Abstract: La mostra Salomè o la dimenticanza del male è protagonista nella pinacoteca del Museo civico di Crema, attraverso un percorso tra otto e novecento e a partire da fonti letterarie, con volumi e illustrazioni originali.

Oltre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Oltre : [mostra d'arte contemporanea, Palazzo Bertazzoli Bagnolo Mella (BS), 2019]

[S.n.], 2019

Zehra Doğan
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zehra Doğan : avremo anche giorni migliori : opere dalle carceri turche / a cura di Elettra Stamboulis

Skira, 2019

Abstract: È nell'uso del plurale, in quel verbo avremo, che ci coinvolge tutti, che consiste la chiave interpretativa della pratica artistica della giovane artista e giornalista curda del sudest della Turchia. La potenza immaginifica della sua mano è il risultato della riflessione e della relazione di una specifica collettività, quella delle donne detenute con Zehra nelle prigioni di Mardin, Diyarbakir, Tarso. Due anni e nove mesi di prigione per un disegno su Twitter e una lettera di una bambina di dieci anni pubblicata: questo periodo è diventato l'occasione per mostrare che la resistenza che passa attraverso l'arte non si può ingabbiare. Sostenuta da artisti come Banksy e Ai Weiwei durante la detenzione, ha affrontato con cocciutaggine e inesauribile ottimismo insieme alle altre la prigionia. L'ha guidata la fede nella potenza liberatoria e nella possibilità di cambiamento positivo dell'arte. "Non devi voltare le spalle alle fonti che ti nutrono. Sono nata in Curdistan. Sono cresciuta e mi sono formata con i disegni del Curdistan, e queste ricchezze hanno dato senso alla realtà. Sì, le ingiustizie e i massacri in cui viviamo sono una terribile disgrazia, ma abbiamo anche meravigliose opportunità [...]. Può essere considerato quasi un lusso. Questo deve essere ben compreso e ben interpretato. Voltare le spalle a questa realtà sarebbe un grande errore". Fedele alla sua terra, è costretta oggi a un auto esilio che non ferma però il suo pennello.

Ugo Mulas
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ugo Mulas : intrecci creativi / a cura di Francesca Pola

Marsilio : Robilant + Voena, [2019]

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ugo Mulas è stato uno dei protagonisti della cultura visiva internazionale della seconda metà del XX secolo: fotografo attivo in particolare dagli anni Cinquanta al 1973 (anno della sua precoce scomparsa), ha saputo interpretare magistralmente uno dei momenti più straordinari della scena artistica contemporanea. Questa monografia intende presentarne l'opera assumendo un punto di vista privilegiato, insieme originale ed emblematico: analizzare la sua riflessione fotografica in rapporto all'arte visiva, per mostrare il suo contributo individuale. Il taglio qui scelto è quello del rapporto con l'arte italiana a lui contemporanea, indagato attraverso gli intrecci creativi che hanno legato Mulas ad altri protagonisti, cruciali per comprendere l'unicità della sua visione, quali ad esempio Lucio Fontana, Pietro Consagra, Fausto Melotti, Michelangelo Pistoletto.

Nel cuore dei diritti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nel cuore dei diritti : i disegni e i sogni dei bambini, i doveri e le responsabilità degli adulti

Fondazione PInAC, 2019

Abstract: Catalogo della mostra tenuta a Rezzato dal 28 settembre 2019 al 28 giugno 2020 sui diritti dell'infanzia

Futurismo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Futurismo / a cura di Ada Masoero

Skira, 2019

Abstract: Il 20 febbraio 1909, accompagnato da un clamore internazionale, usciva su "Le Figaro", a Parigi, il manifesto di fondazione del Futurismo, stilato da F.T. Marinetti, poeta, letterato e geniale comunicatore. Con quello scritto programmatico Marinetti inaugurava una modalità di comunicazione dirompente e inedita per la cultura, poiché i manifesti futuristi sarebbero poi stati distribuiti con mezzi "popolari" come volantini stampati in centinaia di migliaia di copie, oppure pubblicati su organi d'informazione non specialistici, o declamati nelle affollatissime serate futuriste, aperte a tutti. D'allora in poi il Futurismo avrebbe adottato questa pratica comunicativa per ognuno dei molti ambiti in cui si avventurò - poesia, pittura, scultura, architettura, danza, teatro, arti decorative, grafica, pubblicità e molto altro -, nel suo sogno di saldare l'arte e la vita, ridisegnando l'intero orizzonte umano. E poiché in ognuno di quegli scritti si proclamavano le basi teoriche cui attenersi nella pratica artistica, per comporre questa mostra ci siamo affidati ai manifesti stesi dagli artisti visivi - da Boccioni, Carrà, Russolo, Balla, Severini, a Depero, Prampolini e agli aeropittori degli anni Trenta - esponendo le opere che meglio e più puntualmente illustrano i princìpi teorici esposti in ognuno. Perché, quelle che potrebbero apparire come invenzioni brillanti e curiose, sono in realtà la trascrizione di un vero sistema di pensiero.

Il corpo simbolico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il corpo simbolico : pesci fasciati e corredi augurali : Fabrizio Merisi / a cura di Valter Rosa

Museo Diotti

Abstract: Il progetto parte da quattro grandi opere recenti ed inedite (2017) sul tema dei corredi augurali che vengono fatte dialogare con dipinti, disegni, teche e installazioni realizzati dalla metà degli anni Cinquanta ad oggi che fungono da appunti, note e rimandi al lungo percorso artistico di Fabrizio Merisi.

Il Manierismo a Crema
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il Manierismo a Crema : un ciclo di affreschi di Aurelio Buso restituito alla città : Crema, Museo civico di Crema e del Cremasco, 20 ottobre 2019-6 gennaio 2020 / a cura di Gabriele Cavallini e Matteo Facchi

Scalpendi, 2019

Abstract: Catalogo della mostra "Il Manierismo a Crema" che presenta un ciclo di affreschi del pittore cremasco Aurelio Buso restituito alla città, realizzata dal Museo Civico di Crema e del Cremasco nelle sale della pinacoteca: si tratta di un ciclo di ventisette dipinti murali, rara testimonianza superstite dell’opera di Buso de Capradossi. Le opere, in cattivo stato di conservazione, sono state restaurate garantendone la conservazione ed una migliore leggibilità.

Architettura e incisione negli anni di Giulio Romano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Architettura e incisione negli anni di Giulio Romano : guida alla mostra : Mantova, Museo diocesano Francesco Gonzaga, 22 marzo-28 aprile 2019 / a cura di Giulio Girondi

Il Rio, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nell'anno in cui Mantova celebra Giulio Romano, la piccola mostra allestita al Museo Diocesano Francesco Gonzaga intende mettere al centro alcune delle "architetture virtuali" ideate dall'allievo di Raffaello: non edifici realizzati, quindi, ma rimasti sulla carta a fare da sfondi e quinte prospettiche a molti dei soggetti ideati da Giulio. Già nel Cinquecento, molti di questi disegni (spesso serviti per affreschi o arazzi) sono stati tradotti in incisione, contribuendo non poco alla fortuna dell'artista romano. Di conseguenza, è sembrato fondamentale allargare il discorso, ampliandolo al tema della presenza di fondali architettonici nelle incisioni italiane del Cinquecento per mostrare, da un lato, la forza dell'"immaginario architettonico" proprio degli artisti che dell'architettura ebbero solo una conoscenza indiretta (pittori e incisori, quindi) e, dall'altro, accertare una reale dignità architettonica per quegli edifici virtuali che, pur se relegati al mero ruolo di fondali, furono concepiti da artisti che erano anche architetti come, appunto, Giulio Romano.

In treno con Teresio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

In treno con Teresio : i deportati del trasporto Bolzano-Flossenbürg (5-7 settembre 1944) / a cura di Maria Antonietta Arrigoni e Marco Savini

Unicopli, 2019

Abstract: La ricerca nasce come catalogo della mostra "In treno con Teresio" che aveva l'obiettivo di ricostruire le caratteristiche del trasporto di politici partito da Bolzano il 5 settembre 1944 e arrivato a Flossenbürg il 7 settembre. Il titolo vuol mettere in evidenza il concetto di "comunità di destino", nel senso dell'andare insieme verso una meta (il lager) che è conseguente alla propria scelta morale e politica. Contro l'ideologia nazifascista che voleva discriminare le persone, fomentando l'odio razziale e politico, e che in lager intendeva distruggere l'identità e la storia del singolo, le vicende individuali ricostruite dimostrano la capacità della persona di resistere anche in situazioni estreme e l'impossibilità del persecutore di distruggerne l'umanità. La storia del gruppo dei resistenti e dei suoi valori è stata ricostruita attraverso una pluralità di fonti prodotta sia dai nazisti che dai deportati stessi. L'arte, la poesia, la memorialistica sono state utilizzate per comprendere la complessità del vissuto nel lager.

Sintesi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sintesi / Franco Fontana

Franco Cosimo Panini, 2019

Abstract: Catalogo della mostra tenuta alla Galleria Civica di Modena, alla Palazzina dei Giardini e al MATA di Modena dal 23 marzo al 25 agosto 2019

Kalopsíe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kalopsíe : Giorgio Tentolini / a cura di Raffaella A. Caruso

Colossi arte contemporanea, 2019

Abstract: Quello che per i contemporanei è diventato un vero e proprio disturbo della visione (fotografare a ripetizione senza neppure prima guardare a occhio nudo l'oggetto feticcio) Tentolini lo trasforma in un'interessantissima riflessione sul processo psichico della kalopsia: quella particolare distorsione della visione psichica, non reale, che rende attraente un particolare, di qualsivoglia natura, seppur disarmonico. Si tratta in definitiva di quell'improvviso battito di ciglia che apre all'innamoramento e al perderci. Ogni oggetto caduto sotto il suo sguardo subisce una sorta di spersonalizzazione, riuscendo però nella negazione dell'identità personale a non cadere nello stereotipo della maschera: non c'è più la persona, quella incontrata, ma rimane l'essenza. E' questo il miracolo d'arte di Tentolini: cogliere un istante, negarne l'identità, spersonalizzarlo e in una sorta di transfert riportarlo all'essenza.

Pompei
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pompei : dei, uomini, eroi / a cura di Valeria Sampaolo e Luana Toniolo

Electa, 2019

Abstract: Il catalogo della grande mostra dedicata a Pompei, allestita dal 18 aprile 2019 all'Ermitage di San Pietroburgo. Gli splendidi affreschi con "Zeus in trono' e 'Achille e Briseide' dalla Casa del Poeta Tragico (MANN), il 'Dioniso e Arianna' e 'Alessandro e Rossane' dalla Casa del Bracciale d'Oro - dal Parco Archeologico di Pompei - e ancora l'eccezionale tarsia in marmo con 'Scena dionisiaca' riemersa dalla Casa dei Capitelli colorati e conservata nelle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, sono solo alcune delle oltre centocinquanta opere selezionate, nelle straordinarie collezioni del MANN e di Pompei, per raccontare l'arte, la storia, e la vita di questa antica città. Uomini, Dei ed Eroi rappresentati, secondo l'uso del tempo, da soli o con gli attributi che ne rendono immediata l'identificazione: non solo nei decori e nelle opere di edifici pubblici, come l'imponente Erma di Mercurio in marmo e il mosaico delle Tre Grazie, entrambi dal Tempio di Apollo di Pompei in prestito dal MANN, ma anche e soprattutto all'interno delle mura domestiche: nei larari, nelle cucine e negli atri. Con un interessante e inedito approfondimento sulla diffusione dell'iconografia pompeiana nei paesi europei, con particolare riguardo alla Russia.

Artisti per Nuvolari
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Artisti per Nuvolari

Artisti per Nuvolari : settima rassegna 2019 / a cura Arianna Sartori ; presentazione Maria Gabriella Savoia ; testo Lorenzo Montagner

Archivio Sartori, 2019

Il corpo dell'idea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il corpo dell'idea : immaginazione e linguaggio in Vico e Leopardi / a cura di Fabiana Cacciapuoti

DE, 2019