Il progetto nazionale Nati per leggere, promosso dall'Associazione Italiana Biblioteche (AIB), dall'Associazione Culturale Pediatri (ACP) e il Centro per la Salute del Bambino (CSB), è ispirato dalla comune consapevolezza dell'importanza di inserire la pratica della lettura nell'ambito delle cure alla prima infanzia.

L'adozione del progetto a livello provinciale ha come obiettivo la divulgazione della pratica della lettura nella famiglia, ossia la lettura degli adulti ai bambini in tutto l'arco della prima infanzia, che prosegue anche dopo che il bambino ha imparato a leggere, perché leggere insieme costituisce una modalità di comunicazione di grande significato relazionale.

Il progetto a livello locale si sviluppa attraverso una rete di collaborazioni e di servizi e si propone di essere capillare per raggiungere tutte le realtà locali. Della rete vengono a far parte i bibliotecari e i pediatri che intendono mettere il loro impegno nella realizzazione del progetto. La loro alleanza è la condizione per costruire e coordinare una rete di interventi dei singoli servizi e dei relativi operatori preposti alla cura della prima infanzia. Alle realtà locali sono delegati i compiti di attuazione del progetto.

L'aspetto essenziale dell'iniziativa NPL a Brescia coniuga la funzione del pediatra di famiglia con il ruolo del bibliotecario nella biblioteca pubblica. L'ascendente e l'importanza della figura del pediatra nella famiglia con bambini in tenera età permetterà a questa figura di:

  • raccomandare la lettura ad alta voce ai genitori
  • consegnare piccole bibliografie per l'avvio dell'attività di lettura
  • consigliare l'utilizzo della biblioteca di pubblica lettura dove i genitori potranno trovare i libri più adatti, l'assistenza e l'aiuto di un bibliotecario qualificato, un "angolo morbido" destinato agli utenti in età prescolare
  • dotare le sale d'attesa degli ambulatori di libri per bambini

 

La biblioteca pubblica avendo la possibilità di coniugare e mettere in pratica il piacere della lettura e la molteplicità delle proposte può:

  • allestire uno spazio per bambini in età prescolare
  • incrementare il patrimonio bibliografico per questa fascia d'età (0-6 anni)
  • aiutare i genitori nella scelta dei libri
  • diffondere sul proprio territorio gli obiettivi del progetto e i servizi a disposizione degli utenti

 

La Provincia di Brescia è da tempo presente attivamente nel progetto locale NPL con:

  • l'organizzazione di un Convegno per bibliotecari e pediatri sull'importanza della lettura in tenera età che si è tenuto il 4-5 ottobre 2002
  • l'organizzazione di un seminario per bibliotecari e pediatri che si è tenuto il 26 maggio 2007
  • la produzione di bibliografie per temi da consegnare ai pediatri e ai bibliotecari, rivolte ai genitori
  • la produzione del manifesto "Il mio primo libro" (citato tra l'altro nelle Linee Guida IFLA per i servizi per i piccolissimi tra le buone pratiche)
  • la produzione di espositori adatti per libri per bambini da collocare negli ambulatori e nelle biblioteche
  • la fornitura di materiale di propaganda del progetto NPL
  • il coordinamento dei progetti e dell'informazione in ambito locale.

Ulteriori Informazioni su "Nati per leggere" si possono acquisire visitando il sito web www.natiperleggere.it, come pure contattando telefonicamente l'Ufficio Biblioteche della Provincia di Brescia.