Trovati 17964 documenti.

Mostra parametri
Immigrazione
0 0 0
Libri Moderni

Allievi, Stefano <1958->

Immigrazione : cambiare tutto / Stefano Allievi

Laterza, 2018

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le migrazioni ci sono. Sono sempre di più e saranno ancora di più in futuro. Non è più il tempo dei problemi senza risposta: è il momento delle soluzioni. L’immigrazione è un fenomeno strutturale da decenni. Tuttavia è sempre stato affrontato in termini di emergenza, come fosse un fatto episodico. Ma l’estensione, la qualità e la quantità del processo sono tali da esigere una soluzione complessiva al nostro sistema di convivenza che non sottovaluti il malessere diffuso nell’opinione pubblica. Le recenti polemiche intorno al ruolo delle ong nei salvataggi sono l’ultimo degli esempi. Per non dire della crescente xenofobia che rischia di indebolire la coesione sociale del nostro paese. L’immigrazione irregolare, il trafficking (i suoi costi e i suoi morti), i salvataggi, i respingimenti, la gestione dei richiedenti asilo con le sue inefficienze, le forme dell’accoglienza. E ancora, i problemi legati ai rimpatri, alla cittadinanza, alle implicazioni delle diverse appartenenze religiose: è urgente e necessaria una riflessione critica onesta su tutte le questioni che accompagnano le migrazioni attuali, affrontando quelle più spinose, con il coraggio di proposte radicali.

Il prete di tutti
0 0 0
Libri Moderni

Costa, Luciano <1945->

Il prete di tutti : pensieri, parole e "fogli sparsi" per ricordare don Giovanni Antonioli / Luciano Costa

Arti, [2017]

  • Copie totali: 44
  • A prestito: 3
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Don Giovanni, un sacerdote che ha lasciato un segno profondo nella comunità di Ponte di Legno, dove ha operato per più di trent’anni. Più che una biografia è una raccolta di incontri, chiacchierate, passeggiate, riflessioni, meditazioni, gioie, felicità legate al "prete di tutti". Alle storie sono stati aggiunti fogli sparsi, rimasti inevasi, non letti, non gustati. A conclusione ci sono una raccolta di fotografie della sua vita e i disegni che Ettore Calvelli realizzò per delineare la vita dell'amico don Giovanni.

La storia della vita in 100 fossili
0 0 0
Libri Moderni

Taylor, Paul D. - O'Dea, Aaron

La storia della vita in 100 fossili / Paul D. Taylor & Aaron O'Dea ; traduzione di Guido Lagomarsino

Sironi, 2017

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La storia della vita in 100 fossili è un viaggio attraverso i tre miliardi e mezzo di anni in cui si è evoluta la vita sulla Terra. Splendide immagini dei reperti – scelte dagli autori tra le collezioni di due importanti musei – illustrano le storie di migrazioni, estinzioni e catastrofi, nonché dei sopravvissuti che hanno contribuito a rendere il nostro pianeta quello che è oggi. Una storia epica raccontata con una selezione di fossili tra i più significativi mai ritrovati.

El mèdol, ovvero La cava nella storia di vita di uomini e donne sulla "Via del marmo"
0 0 0
Libri Moderni

El mèdol, ovvero La cava nella storia di vita di uomini e donne sulla "Via del marmo" / Giuseppe Zanola --- [et al.] ; intervistati da Daniele Bonetti e Massimo Bresciani ; a cura di Daniele Bonetti

[s.n.], 2017

  • Copie totali: 63
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un libro di storia orale, non un libro di storia, avverte in apertura la prefazione di chi ha curato questo libro: un racconto che non si basa sull’inoppugnabilità di documenti scritti da chi non c’è più, quindi, ma sul calore e le inflessioni irripetibili delle memorie di chi ancora vive, e ricorda, traendo spunto dai luoghi nei quali questa memoria è inscritta. Il racconto dei testimoni è costellato di riferimenti alle località che nelle dieci frazioni di Serle sono state sede dell’attività estrattiva: è una conoscenza radicata del territorio che si manifesta, sedimentata nel lavoro di cavatori che sono rimasti sempre anche contadini

Ottobre 1917
0 0 0
Libri Moderni

Ottobre 1917 : 100 anni, 100 militanti della rivoluzione / a cura di Gian Giacomo Cavicchioli

Lotta comunista, 2017

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Davvero, a 100 anni, l'assalto dell'Ottobre può ancora essere un riferimento per il mondo globalizzato e interconnesso? Di quella battaglia due insegnamenti rimangono cruciali. La strategia di Lenin si basava non su visioni localistiche ma sulle prospettive dello sviluppo capitalistico mondiale: oggi come allora, "partito strategia" significa portare nella classe la coscienza dei fatti mondiali decisivi. Nella tempesta della guerra imperialista il "disfattismo rivoluzionario", la parola d'ordine dei bolscevichi, fu il discrimine che permise di non essere catturati dal proprio imperialismo, dalla propria borghesia: oggi, nel tentativo di radicare il partito rivoluzionario nel cuore dell'imperialismo europeo, l'autonomia da ogni influenza dell'imperialismo è, come allora, la chiave per l'efficacia della lotta politica rivoluzionaria. Per questo, nel gigantesco e ineguale sviluppo economico e politico che prepara per il futuro la rottura dell'ordine e nuove tempeste, è attuale e decisivo quel lascito strategico dell'Ottobre. La nostra parola d'ordine internazionalista, "opposizione proletaria all'imperialismo europeo e all'imperialismo unitario", è figlia dell'Ottobre.

L'ordine del tempo
0 0 0
Libri Moderni

Rovelli, Carlo <1956->

L'ordine del tempo / Carlo Rovelli

Adelphi, 2017

  • Copie totali: 94
  • A prestito: 35
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Come le Sette brevi lezioni di fisica, che ha raggiunto un pubblico immenso in ogni parte del mondo, questo libro tratta di qualcosa della fisica che parla a chiunque e lo coinvolge, semplicemente perché è un mistero di cui ciascuno ha esperienza in ogni istante: il tempo. E un mistero non solo per ogni profano, ma anche per i fisici, che hanno visto il tempo trasformarsi in modo radicale, da Newton a Einstein, alla meccanica quantistica, infine alle teorie sulla gravità a loop, di cui Rovelli stesso è uno dei principali teorici. Nelle equazioni di Newton era sempre presente, ma oggi nelle equazioni fondamentali della fisica il tempo sparisce. Passato e futuro non si oppongono più come a lungo si è pensato. E a dileguarsi per la fisica è proprio ciò che chiunque crede sia l'unico elemento sicuro: il presente. Sono tre esempi degli incontri straordinari su cui si concentra questo libro, che è uno sguardo su ciò che la fisica è stata e insieme ci introduce nell'officina dove oggi la fisica si sta facendo.

Elena Piovani
0 0 0
Libri Moderni

Panighetti Ghidinelli, Irene <1976-> - Ghidinelli, Milly

Elena Piovani : il fascino discreto della cultura / Irene Panighetti Ghidinelli, Milly Ghidinelli

Liberedizioni, 2017

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Elena Piovani (1931-2014) con passione gentile e ostinata perseveranza, ha sollevato il vento della cultura nell’operosa e rude Brescia degli anni ‘60 e ‘70, dapprima attraverso il Circolo del Cinema, poi con la libreria Rinascita. Amante delle lettere classiche, militò nel Pci con entusiasmo ma senza ideologismi, privilegiando sempre il valore della cultura e della conoscenza come strumenti di emancipazione e di liberazione, ideali che trasmise a generazioni di studenti degli istituti cittadini, dai licei alle magistrali: per loro Elena Piovani fu Magistra Vitae, in loro risvegliò il gusto del leggere e lo spirito critico. La libreria cooperativa Rinascita fu una sua creazione: da libreria di partito a luogo da cui la cultura si irradiava alla città intera, in tutte le sue molteplici forme, attraverso le proposte più innovative. Quanti intellettuali sono passati da quella libreria su invito di Elena! Quanto di più stimolante offriva il panorama di quegli anni della cultura italiana e non solo fu, grazie a lei, messo a disposizione di tutti, senza preclusioni, nella costruzione costante e paziente di relazioni di cui Elena era l’instancabile tessitrice; collaborazioni culturali e istituzionali foriere di eventi che hanno innervato il corpo civico della polis e che hanno lasciato un segno indelebile anche quando Elena ha ceduto il passo.Questo libro, sbocciato come un fiore su un sentiero delle sue montagne, ripercorre il viaggio terreno di una donna indimenticabile e ne delinea il profilo, attingendo a documenti biografici e fotografici e, soprattutto, alle testimonianze affettuose e partecipi di quanti con lei hanno percorso un tratto di cammino della propria vita.

Giulio Dalola
0 0 0
Libri Moderni

Ghidinelli, Milly

Giulio Dalola : il coraggio e l'umanità della politica / Milly Ghidinellli

Liberedizioni, 2017

  • Copie totali: 47
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La biografia esemplare di un militante comunista nella seconda metà del Novecento

Diario
0 0 0
Libri Moderni

Frank, Anne <1929-1945>

Diario : 12 giugno 1942-1 agosto 1944 / Anne Frank ; prefazione di Sami Modiano ; a cura di Matteo Corradini ; traduzione dall'olandese di Dafna Fiano

BUR, 2017

  • Copie totali: 11
  • A prestito: 4
  • Prenotazioni: 0
Brigate nere
0 0 0
Libri Moderni

Gagliani, Dianella

Brigate nere : Mussolini e la militarizzazione del Partito fascista repubblicano / Dianella Gagliani ; prefazione di Claudio Pavone

Nuova ed.

Bollati Boringhieri, 2017

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il 30 giugno 1944 Mussolini, a capo della Repubblica sociale italiana, decretava: “La struttura politico-militare del Partito si trasforma in organismo di tipo militare e costituisce il Corpo Ausiliario delle squadre d’azione di Camicie Nere”. Sottoposte alla “disciplina militare e al Codice penale del tempo di guerra”, il 1mo luglio nascevano le Brigate nere, con esclusive funzioni di combattimento, ossia di lotta contro i “ribelli”. Dianella Gagliani indaga che cosa abbia significato il passaggio alla militarizzazione del Partito in una condizione subalterna di “alleato-occupato” quale era quella dell’Italia di allora. Una enorme ricerca documentale su fonti d’archivio e pubblicistica fascista ricostruisce macrocosmo e microcosmo di Salò, ossia l’intreccio tra storia istituzionale e vicende di gruppi e singoli, i modelli di “santa avanguardia” e comunità guerriera a cui si richiamava il brigatismo nero, la realtà di una violenza sempre più brutale.

Il papa della fisica
0 0 0
Libri Moderni

Segrè, Gino <1938-> - Hoerlin, Bettina <1939->

Il papa della fisica : Enrico Fermi e la nascita dell'era atomica / Gino Segrè, Bettina Hoerlin

Raffaello Cortina, 2017

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Enrico Fermi è stato uno dei più grandi fisici del mondo e, dopo Galileo, il più famoso scienziato italiano. Dotato di un intuito e di una capacità di ricerca infallibili, era stato soprannominato dai colleghi "il Papa della fisica". Le sue scoperte hanno cambiato il nostro mondo: hanno portato alle armi di distruzione di massa, ma anche alla creazione di apparecchiature mediche salvavita. Fuggito dal fascismo e dall'antisemitismo, divenne una figura di spicco del progetto più segreto d'America: la costruzione della bomba atomica. Ultimo fisico capace di padroneggiare tutti i rami della sua disciplina, Fermi era una rara miscela di ricercatore teorico e sperimentale. La sua ricca eredità comprende progressi decisivi in ambiti diversi, dai raggi cosmici alla tecnologia nucleare, fino ai primi computer. In "Il papa della fisica", Gino Segrè e Bettina Hoerlin restituiscono un'immagine davvero vivida di questo grande visionario della scienza. Passando in rassegna sia i drammi umani che hanno segnato la sua vita sia l'emozionante storia dell'innovazione scientifica nel XX secolo, hanno scritto la biografia che Fermi meritava.

Numeri, teoremi & minotauri
0 0 0
Libri Moderni

Penrose, Roger <1931->

Numeri, teoremi & minotauri : perché la nuova scienza non è affatto scientifica / Roger Penrose

Rizzoli, 2017

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Da oltre un secolo la fisica teorica sembra progredire in una marcia inarrestabile di trionfi. Dopo le grandi rivoluzioni della relatività einsteiniana e della meccanica quantistica, la ricerca del Santo Graal di una Teoria del Tutto ha prodotto frutti clamorosi: il modello cosmologico standard ci ha permesso di definire l’evoluzione dell’universo dal Big Bang fino ai suoi possibili destini ultimi, mentre l’imponente architettura matematica della teoria delle stringhe ci offre una visione elegante della struttura essenziale della materia e dello spaziotempo. Tutto bene, dunque? Roger Penrose ci mostra con la consueta forza delle sue argomentazioni che le cose non stanno esattamente così. Quanto l’indiscutibile eleganza della teoria delle stringhe e la sua conseguente popolarità impediscono di dedicare le nostre ricerche a ipotesi forse meno spettacolari ma più solide? Quale base reale hanno i voli di fantasia delle teorie cosmologiche attuali, erette sul dogma del modello inflazionario? E la precisione straordinaria delle predizioni della meccanica quantistica giustifica la fede cieca nell’affidabilità dei suoi traballanti fondamenti concettuali? Con lo sguardo penetrante, l’originalità di pensiero e l’indipendenza di giudizio che da sempre ne contraddistinguono la ricerca scientifica e l’opera di divulgazione, in questo suo nuovo saggio Penrose ci fornisce uno spaccato profondo e sorprendente del valore e delle debolezze della nuova scienza fondamentale.

Album Primo Levi
0 0 0
Libri Moderni

Album Primo Levi / a cura di Roberta Mori e Domenico Scarpa

Einaudi, 2017

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Né biografia né saggio monografico, l'Album Primo Levi si configura piuttosto come un film documentario steso su carta, data la rilevanza che vi assume il materiale iconografico, rappresentato da oltre 400 immagini in gran parte inedite, e da un graphic novel dell'artista Yosuke Taki, ispirato al racconto «Carbonio». Ed è sempre nel rapporto con la dimensione visiva che i testi contenuti nel volume trovano una specifica ragion d'essere: primi fra tutti quelli di Levi, che - in centinaia di citazioni tratte da scritti celebri, rari o del tutto ignoti - entrano in immediata comunicazione con le figure in una continua e sempre coerente alternanza di letteratura e cronaca, poesia in versi e testimonianza storica, invenzione fantastica e intervento pubblico. Il lavoro dei due curatori lega in una documentata trama narrativa ciascuno degli ampi quadri tematici in cui l'opera è suddivisa. Dedicate rispettivamente al mestiere di chimico, al rapporto con la montagna, all'esperienza del Lager, ai mondi della scrittura e della traduzione, e infine alle declinazioni del «fare» creativo - artistico o professionale -, le sezioni dell'Album sono completate da due appendici. La prima, topografica, presenta i luoghi essenziali nella vita di Primo Levi, a Torino e nel Piemonte - Valle d'Aosta; la seconda, in chiusura, è un riepilogo cronistorico per immagini. L'opera di Primo Levi è come una costellazione, ricca di luci e profondità. Questo Album ne disegna gli addensamenti e ne esplora gli spazi. In ogni sua pagina le immagini, inedite per una quota notevole, si aprono su mondi sempre diversi: e dialogano con brani dello scrittore - notissimi o ignoti, ma sempre di icastica brevità - popolando di cose, personaggi, domande e pensieri questo libro. Un sottile filo narrativo accompagna il lettore aiutandolo a orientarsi tra i fatti. Al centro del discorso spiccano due nomi: «Auschwitz» e «Carbonio». Intorno al primo si concentrano l'esperienza del male estremo vissuto dall'umanità nel secolo scorso, e le riflessioni che Levi andò svolgendo da Se questo è un uomo a I sommersi e i salvati. Ispirate al secondo, le suggestive tavole di Yosuke Taki illustrano il racconto cosmico-visionario sulla nascita e sulle incessanti trasformazioni della vita posto a suggello del Sistema periodico. A corona di questo centro l'Album offre una rappresentazione articolata (e fitta di documenti, episodi e scritti inediti) di quattro azioni che costituiscono altrettanti pilastri dell'opera di Levi uomo e scrittore: l'atto del «Cucire molecole», essenza della sua professione di chimico, e quello del «Cucire parole», decisivo nel lavoro quotidiano del narratore, del creatore di linguaggi e dell'appassionato di giochi linguistici. E poi l'«Andare in montagna», coraggioso fino alla temerarietà nel ragazzo che amava sfidare la natura e che nel 1943 scelse di slancio la lotta partigiana in Valle d'Aosta. Infine, la pratica del «Pensare con le mani», cosí naturale per ogni essere umano, in primo luogo nell'agire lavorativo, eppure cosí generalmente trascurata dalla letteratura. Anche in questo l'Album si propone di mettere in risalto gli aspetti piú originali dell'opera di Levi, qui considerato come un grande scrittore letto oramai in tutto il mondo, ma anche come un uomo di pensiero fra i piú sensibili alla vita concreta del mondo di oggi.

L'anno del ferro e del fuoco
0 0 0
Libri Moderni

Mauro, Ezio <1948->

L'anno del ferro e del fuoco : cronache di una rivoluzione / Ezio Mauro

Feltrinelli, 2017

  • Copie totali: 20
  • A prestito: 10
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Russia, 1917. Nessuno può più fermare la corsa cieca del secolo. Un grande reportage per le strade, i vicoli e i palazzi sfarzosi che hanno visto il tramonto degli zar e il divampare della rivoluzione di Lenin. A cento anni dalla Rivoluzione russa, Ezio Mauro ritorna nei luoghi dell’insurrezione popolare che ha invertito la direzione della storia. Di San Pietroburgo esplora i palazzi principeschi e gli angoli più tetri, sulle orme dei fatti, delle storie proibite e degli arcani che hanno scandito il corso di un anno grandioso e terribile. E la scoperta della città si trasforma via via nel racconto delle vicende di cui è stata teatro. Nella reggia di Tsarskoe Selo Rasputin, il monaco nero, ha stregato lo zar Nikolaj ii e tutta la sua Corte. L’aristocrazia che per secoli ha governato i territori sterminati della Grande Madre Russia precipita verso il suo rovinoso declino. Le strade diventano irrequiete e tumultuose. Lenin e Trotzkij tornano dall’esilio, i bolscevichi si organizzano. Di lì a poco, il treno della storia travolgerà tutti. Ezio Mauro attraversa la rabbia, la paura e la tragedia di una popolazione stremata dalla guerra e dalla carestia. Rimette in scena il furore che ha afferrato l’anima di una città e la storia di un Paese, cambiando per sempre il loro destino. Con la penna del grande inviato, crea un cortocircuito tra passato e presente che rievoca nei luoghi della Rivoluzione la stessa atmosfera di sofferenza, di lotta e di speranza nel cambiamento che l’ha ispirata e accesa, sfociando poi nel Terrore. “Tutto quel che è accaduto dopo comincia qui. Anche se sembrava un inizio, ed era la fine del mondo.”

I conquistatori dell'Impero
0 0 0
Libri Moderni

Bendotti, Angelo

I conquistatori dell'Impero : tre vie, una piazza e un passaggio / Angelo Bendotti

Il Filo di Arianna, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il saggio testimonia l‘eredità, imbarazzante, della toponomastica fascista sopravvissuta alla Liberazione. Intitolazioni a nomi compromessi con il Regime che parteciparono alla guerra d'Etiopia: da don Reginaldo Giuliani ai vari, all’epoca eroi, oggi criminali, sempre di guerra, Gennaro Sora, Guido Paglia e Antonio Locatelli.

L'autunno della sinistra in Europa
0 0 0
Libri Moderni

Castronovo, Valerio <1935->

L'autunno della sinistra in Europa / Valerio Castronuovo

Laterza, 2017

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Dall’inizio degli anni Novanta l’Occidente vive una concatenazione di grandi eventi politici, di mutazioni economiche e di cambiamenti strutturali. La formazione di un universo multipolare insieme a una reviviscenza di nazionalismi e di conservatorismi autoritari; la rivoluzione tecnologica del digitale e le conseguenze di una lunga recessione; una massiccia immigrazione verso il Vecchio Continente e l’irruzione del terrorismo islamista. In questo contesto, segnato da svolte epocali, la sinistra europea avrebbe dovuto dar vita a una nuova cultura politica e progettuale, capace di incanalare le innovazioni emerse su ogni versante in funzione dell’interesse collettivo e dell’inclusione sociale. Invece essa, oltre a subire una trafila di sconfitte elettorali, dà l’impressione di aver smarrito la bussola, cosicché i ‘perdenti’ e i ‘marginalizzati’ dai drastici mutamenti di scenario vengono attratti dal populismo.

La forza del mito
0 0 0
Libri Moderni

Flores, Marcello <1945->

La forza del mito : la rivoluzione russa e il miraggio del socialismo / Marcello Flores

Feltrinelli, 2017

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: A cento anni dalla Rivoluzione russa e a venticinque dal crollo dell'Unione sovietica, si deve tornare a fare i conti con alcune questioni cruciali: qual è il ruolo della Rivoluzione d'ottobre nella storia? Che impatto ha avuto in Occidente e nel resto del mondo? Marcello Flores ha una risposta radicale: la creazione del primo stato socialista costituisce la tomba del socialismo, se con questo s'intende il progetto di ribaltamento del sistema capitalista. L'origine di questo fallimento, spiega Flores, sta nella vittoria del bolscevismo. Perché l'imporsi del comunismo sovietico come unico modello vincente ha finito per sostituire il socialismo e la sua spinta rivoluzionaria con il dogma della difesa dell'Urss, con l'idea che la rivoluzione corrisponda alla conquista giacobina del potere, con la necessità di costruire uno stato forte, aggressivo ed espansionista. Flores ritorna alle radici della rassegnazione con cui la gran parte del movimento operaio ha ceduto ai dogmi del comunismo sovietico, rinunciando alla prospettiva di un cambiamento di sistema che il socialismo, dalla metà dell'Ottocento alla Rivoluzione, aveva perseguito e dibattuto in una grande ricchezza di opinioni e di strategie diverse e contrapposte. Ripercorre la storia dell'esperimento socialista fino al tramonto dell'Unione sovietica e unisce le trame di un'epoca tanto complessa quanto irriducibile a qualsiasi semplificazione.

Lutero
0 0 0
Libri Moderni

Prosperi, Adriano <1939->

Lutero : gli anni della fede e della libertà / Adriano Prosperi

Mondadori, 2017

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 3
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La traccia lasciata da Martin Lutero e dalla sua Riforma nella cultura e nella società europea è così profonda che, senza i valori da lui ereditati, a cominciare dalla tolleranza religiosa, sarebbe per noi impossibile capire le lacerazioni che attraversano il mondo di oggi. Dentro questioni aperte come le guerre combattute in nome di Dio, il diritto alla libertà di culto, la crisi del primato della politica ritroviamo infatti le ragioni e gli esiti del conflitto che il monaco tedesco ingaggiò contro il papato romano. Il quinto centenario della celebre affissione delle 95 tesi sulle indulgenze sulla porta della chiesa del castello di Wittenberg è quindi la giusta occasione per cercare di capire chi fu davvero Martin Lutero e per quale via giunse prima alla «scoperta del Vangelo» e poi a trovare nella «sola Scrittura» e nella «giustificazione per sola fede» le risposte alle domande che sgorgavano in lui dal sofferto e costante confronto con una Chiesa cattolica largamente dominata dal vizio e dalla corruzione. Indispensabile, a tale scopo, è questa esauriente ricognizione di Adriano Prosperi sull'opera e l'epoca di Lutero, condotta attraverso la rilettura dei suoi testi e una straordinaria conoscenza del contesto storico in cui furono concepiti, ma anche prestando ascolto e dando voce all'incessante tormento interiore di un uomo inquieto e indomito, che non volle mai ergersi a eroe o martire. Emergono così in una nuova luce tutti i momenti salienti di quell'avventura intellettuale e morale che contribuì in modo decisivo all'ingresso dell'Europa nell'età moderna. Il passaggio di Lutero nella storia della cristianità produsse ferite mai rimarginate e depositi preziosi, ancora oggi riconoscibili. Nell'immediato, la frattura dell'unità del popolo cristiano intorno all'idea stessa di Chiesa, che provocherà le guerre di religione. Ma oltre quel cupo scenario si affermò un nuovo modo di intendere il rapporto dell'uomo con Dio, con l'aldilà, con la liturgia, con la devozione e la carità. Vertice di tutto è l'individuo, la sua coscienza e la sua fede. È questa la rivoluzione di Lutero. E se il mondo scoperto a occidente erediterà il nome da Amerigo Vespucci, a lui spetta «il merito della scoperta della libertà come vero orizzonte del cristianesimo europeo».

Da Lenin a Stalin
0 0 0
Libri Moderni

Giannuli, Aldo <1952->

Da Lenin a Stalin : la formazione del sistema di potere sovietico, 1923-1927 / Aldo Giannuli

Mimesis, 2017

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Lo storico e giornalista Aldo Giannuli torna sulla fondazione del sistema di potere sovietico nel suo momento cruciale: il passaggio di testimone tra Lenin e Stalin. Se è possibile rintracciare in Lenin alcune premesse per il successivo sviluppo storico che porterà all'affermazione dello stalinismo, secondo l'autore è errato sostenere una continuità diretta tra le posizioni politiche dei due leader. Leninismo e stalinismo sono stati dunque fenomeni tra loro ben distinti, separati da una profonda rottura politica e da visioni spesso contrastanti. La vicenda è inquadrata nel contesto della modernizzazione novecentesca e il fallimento dell'alternativa "socialista" al modello va ricercata in quel momento fondativo del sistema di potere sovietico. Contestualizzare storicamente la situazione russa permette di comprendere i motivi per i quali il sistema sovietico non rappresenta oggi una pagina chiusa di storia, ma agisce tuttora come manifestazione di un passato che non smette di intervenire sul nostro presente, influenzando, per molti versi, i fenomeni dominanti della contemporaneità, in primis il capitalismo.

Il tribunale del Duce
0 0 0
Libri Moderni

Franzinelli, Mimmo <1954->

Il tribunale del Duce : la giustizia fascista e le sue vittime (1927-1943) / Mimmo Franzinelli

Mondadori, 2017

  • Copie totali: 16
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Novant'anni fa, il 1° febbraio 1927, s'insediava a Roma, nell'Aula IV del Palazzo di Giustizia, il Tribunale speciale per la difesa dello Stato, un organo composto da magistrati e giudici in camicia nera reclutati tra gli squadristi. Mussolini, dopo il discorso del 3 gennaio 1925 e l'introduzione delle «leggi fascistissime» - che avevano soppresso la libertà di stampa, di associazione e il diritto allo sciopero -, mostrava il suo vero volto, quello di un dittatore disposto ormai a tutto. Per i nemici del regime, ma anche per i semplici cittadini che osavano criticarlo, non c'era più spazio per il dissenso. Anzi, non c'era più spazio per la libertà. Agli imputati, condotti di fronte alla corte e rinchiusi in un gabbione, non rimaneva che attendere il verdetto: d'altra parte, come potevano difendersi se l'istruttoria era segreta? Fino al luglio 1943 la magistratura, sottoposta agli ordini del duce, processerà migliaia di oppositori politici (tra loro, Antonio Gramsci, Umberto Terracini, Altiero Spinelli, Sandro Pertini, solo per citarne alcuni) e persone comuni, accusate di spionaggio, contrabbando valutario, mercato nero... Le condanne a morte, mediante fucilazione alla schiena, saranno un'ottantina. Eppure, la storia del Tribunale speciale dello Stato è rimasta sostanzialmente sconosciuta. Poco studiata. Persino l'imponente biografia mussoliniana di Renzo De Felice, punto di riferimento irrinunciabile per chiunque si occupi del Ventennio, gli dedica meno di due pagine. Il libro di Mimmo Franzinelli, basato su fonti d'archivio sinora inesplorate, riempie questo «vuoto», e lo fa documentando attività e funzioni del Tribunale, svelando l'intreccio tra persecutori e perseguitati, raccontando i segreti, assai poco commendevoli, della magistratura di regime: gli scandali su cui fu imposto il silenzio, le ruberie dei giudici, la corruzione degli avvocati, le sentenze palesemente truccate, la terribile situazione in cui vennero a trovarsi le donne, vittime di una giustizia ferocemente maschilista (il solo essere figlia, sorella o moglie di un sovversivo comportava l'arresto, senza riscontri oggettivi di reato). Ma Franzinelli dedica pagine efficaci, ricche di dettagli e informazioni, anche ad altri aspetti, non meno inquietanti, dell'intera vicenda, come il potenziamento del Tribunale speciale durante la seconda guerra mondiale e, soprattutto, il colpo di spugna che dopo il 1945 «perdonerà» quasi tutti i responsabili. In nome della continuità dello Stato, si doveva archiviare (e dimenticare) un passato troppo scomodo.