Community » Forum » Recensioni

Storia di Iqbal
4 1 0
D'Adamo, Francesco <1949->

Storia di Iqbal

Einaudi ragazzi, 2015

Abstract: Nel libro è narrata una storia vera, quella di Iqbal Mashir, che venne assassinato in Pakistan a tredici anni dalla mafia dei tappeti per avere denunciato il suo ex padrone e avere contribuito a far chiudere decine di fabbriche clandestine e a liberare centinaia di bambini schiavi come lui. È il racconto della faticosa conquista della libertà materiale e morale da parte dei diseredati del mondo, e di una ribellione contro coloro che sembrano troppo potenti, troppo ricchi, troppo invisibili per essere toccati. Un romanzo di denuncia in bilico tra commozione ed indignazione, ma anche una storia di libertà e di aquiloni, di speranza e cocciuta memoria.

76 Visite, 1 Messaggi

la trama del libro parla di un ragazzo di nome Iqbal che è stato portato via dalla sua famiglia ed è costretto a lavorare in una fabbrica. Lui tenta in tutti i modi di scappare, la maggior parte delle volte non ci riesce, ma alla fine ce la fa e riconquista la libertà. Il libro è bello in tutti i suoi aspetti . Il linguaggio utilizzato dall'autore è semplice e comprensibile, i personaggi sono ben descritti e approfonditi. Il libro è ricco di dialoghi del personaggio principale, sia tra sé e sé che con altre persone. Da questo libro ho imparato che cosa devono sopportare i bambini sottratti alla loro famiglia e sono obbligati ad andare a lavorare nelle fabbriche, anche se sono veramente piccoli. Condivido pienamente le idee dell'autore, è ingiusto che i bambini debbano lavorare!
questo libro ha di speciale che ti fa riflettere sull'argomento trattato e capire quanto sia crudele la gente che per soldi non rinuncia a sfruttare dei minori. Conigliere questa lettura, perché è molto valida, scorrevole e interessante.

  • «
  • 1
  • »

6518 Messaggi in 5300 Discussioni di 769 utenti

Attualmente online: Ci sono 26 utenti online