Community » Forum » Recensioni

Il guardiano dei demoni
4 1 0
Brett, Peter V.

Il guardiano dei demoni

Roma : Newton Compton, 2011

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Quando cala il crepuscolo, il mondo soggiace al potere dei Corelings, terribili demoni che emergono dalle viscere della terra portando morte e distruzione. Gli anni passano e i villaggi sono sempre più deserti; in quella distesa fredda e desolata che è ormai il mondo, sempre più deboli sono le possibilità di scacciare l'incubo dei voraci Corelings: sembra che niente possa sconfiggerli e salvare l'umanità. L'unica speranza sono tre bambini, Arlen, Leesha e Rojer, isolati nei loro sperduti villaggi e protetti da magiche barriere. Un lungo viaggio li attende, tra territori sconosciuti e impervi, infestati dal male, incontro all'unica persona che potrà aiutarli: un misterioso, impavido guardiano della notte. Perché Arlen, Leesha e Rojer sanno che a paralizzare l'umanità non sono i demoni, ma la paura. Il guardiano dei demoni è la storia di tre ragazzi in viaggio tra pericoli indicibili, una sfida coraggiosa contro le forze che imprigionano l'umanità.

12 Visite, 1 Messaggi
Utente 1036
107 posts

E' stata una lettura piacevole ma....
Pur non essendoci misteri da svelare e una trama piuttosto scontata non ho faticato a immergermi in quel mondo particolare anche grazie a una scrittura scorrevole e personaggi che mi sono piaciuti quasi sempre, però non credo lo consiglierei perchè ci sono alcune illogicità che ho faticato a sorvolare persino per un libro per ragazzi, come un'umanità presentata bloccata dalla paura ma che in realtà è a dir poco rimbambita, sembra decisamente avere spento il cervello anzichè trovare soluzioni per altro abbastanza ovvie. Non aiuta neppure lo sviluppo di uno dei personaggi principali, Arlen, troppo improvviso e poco vissuto da chi legge e con un cambio di rotta da uomo rancoroso a salvatore dell'umanità talmente superficiale che ha quasi del ridicolo, ne ciò che capita alla protagonista femminile, il cui dramma non porta nulla alla storia e da cui si riprende in maniera assurda lasciandoselo alle spalle nel giro di un giorno o due, come se non fosse accaduto. Poco piacevole, per mancanza di fantasia, anche il profilarsi all'orizzonte di un popolo che creerà guai, in tutto e per tutto simile a quello mussulmano, ma quello raccontato da telegiornali stereotipati e di parte, che poteva benissimo essere sostituito da qualcosa di più originale.

  • «
  • 1
  • »

6115 Messaggi in 4971 Discussioni di 709 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online