Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Dopo di te - Jojo Moyes

Generalmente non mi piacciono i "seguiti" di libri o film che hanno avuto successo. Questo libro mi ha rafforzato nella mia convinzione. Se fosse stata una storia a sè magari non sarebbe stato male perchè lo stile della narrazione è buono. Il fatto di dover essere "la continuazione di" ha forzato negativamente lo sviluppo della storia. Si può leggere senza aspettative.

Siete pazzi a mangiarlo! - Christophe Brusset

Se fosse un libro di fantasia risulterebbe quasi esilerante e semplice sarebbe immaginarsi scene da camera cafe... il particolare che quest'esperienza provenga dal "vero" lo rende invece agghiacciante. Assolutamente da leggere, fa decisamente meno male "mangiarsi" questo libro che certi abituali prodotti che attraversano le ns tavole...

R: Non volare via - Sara Rattaro

Un romanzo da leggere tutto d'un fiato. Tema importante della disabilità e di come ognuno sa reagire davanti alle difficoltà della vita ma di come L amore e il perdono vincono tutto:sempre. Consigliatissimo.

Stranieri alle porte - Zygmunt Bauman

L'immigrazione è una realtà complessa che richiede risposte complesse. Un buon punto di partenza per farsi un'idea sull'argomento potrebbe essere esaminare considerazioni serie e di ampia portata, come queste di Bauman, in netta controtendenza rispetto alle facili e pervasive semplificazioni operate dai populismi.
Ci potremmo persino accorgere che gli stranieri " Quei nomadi - non per scelta, ma per il verdetto di un destino inclemente - ci ricordano in modo irritante, esasperante e raccapricciante quanto vulnerabile sia la nostra posizione nella società e fragile il nostro benessere ".
Ah, mi raccomando, leggi sottovoce: c'è il rischio che quella bella addormentata della nostra coscienza possa svegliarsi...

prenotazione

Buongiorno, venerdì ho prenotato il Libro "Dove la storia finisce" e sono terza nella lista. Nonostante ci siano 6/7 copie disponibili non è ancora stata evasa nessuna richiesta. Preciso che le due precedenti prenotazioni erano presenti già da diverso tempo e lasciate in stand-by. Mi saprebbe spiegare il perché? Grazie.

Scomparire - Robert Cormier

E' un libro delicato,ben calato in un preciso contesto storico culturale che racconta con maestria la storia di un ragazzo messo di fronte al suo singolare potere, ovvero quello di svanire.Molto più mr hyde che spidermen naturalmente perchè già non è facile volgere al bene le nostre azioni,figuriamoci poi quando si hanno poteri speciali. La storia di per sè non l’ho trovata travolgente, non si è mai innescato quel feeling che spesso ti tiene incollato fino all’ultima pagina, insomma il libro non è un gran che. Ho apprezzato comunque la costruzione a “salti temporali” del libro, la scelta di raccontare una parte della gioventù di Paul, 13enne franco-canadese immigrato negli Stati Uniti, che deve affrontare i problemi d’integrazione e di bullismo, mentre il suo corpo di adolescente è pervaso dai primi pruriti ormonali. In tutto questo Paul scopre di possedere il dono di rendersi invisibile. Ma ogni dono ha un caro prezzo da pagare. La scomparsa del corpo si accompagna alla comparsa di un’anima meschina che guida le azioni dello “sparitore” rimuovendone le inibizioni.
Il potere logora l’anima. Paul, grazie al suo potere scopre cose che non avrebbe mai voluto sapere. Decide così di rinunciare per quanto possibile alle sue capacità, che richiedono dei prezzi sempre più alti. Ma il richiamo del sangue è forte, così che un Paul ormai 30enne e scrittore di successo si imbarcherà in un compito che alla fine lo distruggerà.

R: La vita perfetta - Renée Knight

Iniziò un poco noioso e lento. Poi la storia prende vita e diventa intrigante, tanto che, non si vorrebbe mai smettere di leggerlo. E quando pensi di aver intuito tutta la storia ecco un nuovo colpo di scena.......

Il tempo è un bastardo - Jennifer Egan

Questo romanzo è un album musicale in 13 tracce. Lo si capisce piano che i racconti sono tutti -magistralmente- collegati, pur essendo diversissimi fra loro per tono, stile narrativo, prospettiva.
Sono ambientati tra San Francisco e New York e raccontano i sogni, l'euforia, lo smarrimento di una generazione giovane; poi il tempo che passa, i fallimenti, le crisi, la vita che cambia.
Ci sembra di conoscerli, questi protagonisti vulnerabili, nei quali ci immedesimiamo, o dai quali vorremmo prendere le distanze. La loro voce ci è così vicina. Sono sussurri e grida, registrati con empatia e senza giudizi, che ci svelano qualcosa di noi, in modo inaspettato.
Già, perché questo è un romanzo che ci porta a spasso dove vuole lui, in posti che non conoscevamo, o dove non pensavamo di andare; con persone che sembrano, o magari sono, come noi, solo piccole foglie nell'acqua del tempo.
Commovente.

Due biglietti per la felicità - Caroline Vermalle

I sogni ricomposti in un piccolo cinema francese

Basta una vecchia sala cinematografica di provincia per avvolgerci con un sipario a mo’ di coperta. Ci bastano le immagini di un proiettore sgangherato, uno di quelli che chiunque sia nato entro la penultima decade del XX secolo ha sentito girare con la perfezione della meccanica e la lentezza di un tempo scandito dal cambio di rulli graziealle sapienti mani di un macchinista...

http://andrealesci.it/2016/10/15/caroline-vermalle-due-biglietti-la-felicita/

Effetto farfalla - Vanessa Ferrari

"a vent'anni si è stupidi davvero... quante balle si ha in testa a quell'età" canta Francesco Guccini, e mi son sempre chiesto se lo intenda alla lettera o invece sia la sua nostalgia di un tempo irripetibile ed energico... Che dire allora di una venticinquenne che ha già una vita alle spalle? Il libro si legge in fretta, giusto il tempo di sconvolgersi per la durezza del quotidiano di una bambina/ragazza/adulta atleta a tempo pieno fra diete, antidolorifici ed impegno incessante. E una domanda assale di continuo il lettore... Ne valeva la pena? Per un minorenne qual'è il confine tra la scelta e il dovere?
Dal punto di vista stilistico emerge a tratti, soprattutto nella scelta dei vocaboli, la mano del ghost writer.

Corpi ad arte - Donatella Lanzarotta

Un libro che spiazza il lettore da più punti di vista. Dovessi riassumerlo, lo classificherei tra un trattato etnografico, quasi in stile Margaret Mead, e un testo sul teatro. Ben scritto e documentato, nel complesso tuttavia resta impalpabile, distante.

L' Urss dal trionfo al degrado - Andrea Graziosi

Opera voluminosa ma assolutamente godibile, illumina la tragicità dell'URSS del dopoguerra e la sua straordinaria fine. L'autore racconta la parte finale del dominio staliniano e il susseguirsi dei giudizi su Stalin, di volta in volta tiranno o eroe a seconda dei venti politici; delinea con chiarezza lo sfacelo di un sistema economico che resta sconfitto nei confronti dell'occidente nell'incapacità di garantire ai cittadini un benessere minimo. Ci consegna infine il ritratto di un Gorbacev pieno di limiti e difficoltà ma così lucidamente devoto nel rinunciare alla violenza da non lasciare dubbi di aver meritato il Nobel per la pace.