Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La mia brillante carriera - Miles Frankli

Nell'Australia di fine Ottocento, Sybylla, una giovinetta tenera e caparbia, con l'argento vivo addosso e molto amore per la cultura, sceglie di restare fedele alla sua natura anticonvenzionale e al suo desiderio d'indipendenza.

Più d'una volta Syb viene costretta dalle circostanze a lavorare duramente in ambienti rurali sordidi, per contribuire al sostentamento familiare e per obbedire al volere della madre che la giudica altezzosa e ribelle e dunque ritiene che quelle esperienze possano correggere il suo pessimo carattere.

Durante una parentesi luminosa a casa della nonna materna, Syb conosce un uomo eccellente ed agiato che si innamora profondamente di lei e dal quale si sente molto attratta. Rifiuta tuttavia di sposarlo, anche se questo porrebbe finalmente fine alle ristrettezze della vita che è costretta a condurre.

Sente di volere qualcos'altro, di essere diversa...

Il romanzo è autobiografico. L'autrice, nata nel 1879, lo scrisse fra i 16 e i 20 anni. Rifiutato da tutti gli editori locali, venne in seguito giudicato “il primo grande romanzo australiano” e pubblicato in Inghilterra nel 1901.

...Aspetterò domani scorso - Massimiliano Valiforti

Recensione dal sito "ilmiolibro.it"

Un libro che ti catapulta in una realtà di adolescenti alle prese con le difficoltà di una realtà non sempre generosa nei loro confronti: la perdita dei genitori, la mancanza di punti di riferimento, l’attrazione per i soldi facili e l’incoscienza dei pericoli, con la convinzione che “…so che è sbagliato ma a me andrà tutto bene”.
Un gruppo di ragazzi desideroso di godersi la vita ma, al tempo stesso, alla ricerca di legami veri, di affetto, solidarietà, di amare e sentirsi amati. La protagonista, tipica brava ragazza, trascurata dai genitori troppo presi ad affermarsi nel lavoro è catapultata in tutto questo e si lascia coinvolgere a pieno dalle sensazioni positive che prova nel sentirsi parte di questo gruppo, fino a venirne travolta. Lo scrittore si immerge perfettamente in questa realtà descrivendone le mille sfaccettature e riesce a immedesimarsi nelle emozioni della giovane protagonista.
Scrittura immediata, ritmo veloce e incalzante ben descritto l’ambiente e le atmosfere degli anni novanta. Libro che può fare riflettere giovani e adulti sulle mille insidie della difficile età dell’adolescenza.

La Maschera della Morte Rossa - Rocchi, Dell'Olio

Racconto a fumetti estremamente valido, liberamente ispirato al racconto breve "La Maschera della Morte Rossa"di E.A.Poe.
La storia si svolge in una sorta di medioevo dalle caratteristiche vagamente fantasy: una pestilenza inarrestabile sta devastando le terre del Principe Prospero e dei suoi vassalli. Egli decide quindi di ritirarsi insieme ad un nutrito numero di cortigiani e Lord all'interno del suo castello, sigillati dal resto del mondo, convinti di poter così sfuggire alla morte. Dopo alcuni mesi vissuti nella sua prigione dorata il principe decide di indire una festa in maschera, ad ulteriore sbeffeggio verso la Morte. Vengono quindi allestite sette stanze, ciascuna di un colore diverso, dedicata ad un particolare peccato, in cui gli invitati sono liberi di dare sfogo alle loro peggiori pulsioni.
Tra le principali differenze, rispetto all'opera originale, in questo fumetto abbiamo la presenza di Alain, un menestrello che con le sue azioni ed il suo opprimente bisogno di vendetta si pone come vero protagonista del racconto, relegando (almeno apparentemente) ad un ruolo secondario, di supporto, la famigerata "Morte Rossa".
La stessa Morte qui appare come un essere molto più “concreto” e vicino alla sua classica raffigurazione folkloristica rispetto all'opera di Poe, caratterizzata da sentimenti che potremmo definire umani, e disponibile alla stipulazione di un vero e proprio accordo con Alain, aiutandolo nei suoi propositi di vendetta, in cambio del suo aiuto.
Il racconto in questo volume assume toni quasi da "Revenge Movie", con il protagonista che pagina dopo pagina pare distruggere anche se stesso, consumato fisicamente e psicologicamente dalle sue azioni. L'opera perde parte del carattere allegorico originale, trasformandosi in una storia di vendetta, le cui motivazioni ci vengono mostrate dagli autori attraverso precisi flashback lungo il racconto. Tutto questo almeno fino alle battute finali, dove la Morte stessa torna ad essere piena protagonista della vicenda, sempre con caratteristiche di stampo più “horror” che gotiche. Tutto ciò comunque non va a cozzare con l'impianto originale, in quanto pur nella sua linearità la trama si svolge in modo chiaro ed assolutamente ben contestualizzato.
Nota di merito ai disegni di Dell'Olio, che con i suoi personaggi quasi grotteschi e caricaturali, alcune ambientazioni veramente inquietanti ed opprimenti (perfetto uso dei colori), e svariate scene di violenza di sicuro impatto ma mai gratuita, riesce a ridare in parte valenza allegorica all'opera.
Sicuramente un fumetto particolare, consigliatissimo specialmente per gli appassionati di generi horror e gotici, non solo nella loro espressione fumettistica ma anche letterale e cinematografica.

Come i tulipani gialli - Cristina Rava

Un'altra imperdibile avventura della coppia Ardelia /Rebaudengo che si snoda con ritmo ed eleganza nella trama del classico giallo italiano che piace e soddisfa il lettore ormai abituato ai luoghi ed ai personaggi di sempre. Storia ben costruita ed intelligente, lettura scorrevole e veramente godibile. Brava l'autrice!

Fitness cardiometabolico - Pietro Mariano Casali, Luca Marin, Matteo Vandoni

Libro ricco di contenuti e soprattutto protocolli di lavoro. Molto utile a chi deve allenare persone con deficit cardiovascolare, diabete, obesità e sindrome metabolica. Permette di impostare degli allenamenti con serietà senza prendere, e far prendere, dei rischi dettati solitamente dalla mancanza di competenze e responsabilità. Esercizi e tabelle spigate in modo chiaro e diretto, idem per i consistenti contenuti teorici.
Una validissima integrazione per lo studente in Scienze Motorie affamato di nuove conoscenze.

Bianca come il latte rossa come il sangue - Alessandro D'Avenia

Non consiglio questo libro prima di tutto perché è pieno di ripetizioni inoltre i personaggi sono irrealistici. Infatti è palese che sia stato scritto da un adulto che vuole raccontare in prima persona la vita di un giovane;nessun ragazzo di sedici anni chiamerebbe Bat cinquantino il suo motorino o inizierebbe a delirare sui colori.
Inoltre metafore e similitudini non chiariscono la situazione ma la confondono "Quel silenzio mi entra nel cuore come un imbianchino che ne voglia rivestire le pareti di bianco,cancellando il nome di Beatrice e coprendolo di uno strato uniforme".
Potrei riportare altri esempio o evidenziare altri punti ma non voglio che questo commento si trasformi in un tema.

Come cavalli che dormono in piedi - Paolo Rumiz

In questo libro Rumiz ci porta a scoprire capitoli ed episodi pressochè sconosciuti del primo conflitto mondiale.
Egli si sofferma in particolar luogo sulla presenza dei militari italiani (ragazzi trentini, triestini, giuliani, dalmati) che combatterono nelle truppe austro ungariche e vennero spediti sul fronte orientale (l’ex Galizia) in quanto, a detta degli stessi austriaci, troppo italiani per combattere sul fronte occidentale: troppo vicino a casa. Alla fine della guerra, in odore di fascismo, questi poveri muli vennero letteralmente dimenticati in quanto pseudo-traditori.
Per i militari caduti del Carso venne eretto Redipuglia. Triestini e company vennero dimenticati in lontani cimiteri e fosse comuni privi di nome o matricola.
L’opera di Rumiz prende spunto dalla ricerca dei suoi antenati che parteciparono alla guerra e porta una luce su quel numero immenso di militi ignoti che vissero e morirono in quell’immane, inutile e deleterio conflitto. Il tutto senza retorica o trionfalismo.. Anzi, elogiando e provando pietà per entrambi gli schieramenti.

Se son rose moriranno - Cristina Rava

Romanzo giallo/rosa godibilissimo, ultimo della serie Rebaudengo/Spinola, collaudata coppia investigativa che fin dai primi passi ha offerto al lettore intrighi e soluzioni davvero eleganti ed intelligenti. Un'autrice che ha tanto da esprimere e che condivide emozioni e pensieri in modo semplice e diretto, lasciando un prezioso ricordo delle ore trascorse insieme con i suoi personaggi, simpatici, umani e soprattutto intellettualmente onesti nel lavoro e nella vita privata che li vedono uniti nella lotta contro il male.

Re: Prenotazione

OK. Avevo escluso quell'eventualità in quanto su alcune biblioteche chiuse mi dava lo stesso la possibilità di sceglierle. Grazie mille per la spiegazione e buona gioranta.